OPINIONE Letto 3090  |    Stampa articolo

Un poeta per amico

Foto © Acri In Rete
Franco Bifano
condividi su Facebook
"Ognuno ha gli amici che si merita!", dice sempre mia madre quando le parlo della fortuna di avere buoni amici. Fra questi , Angelo Canino fa parte del gruppo degli amici d’infanzia ed è un poeta.  Acrese doc, poeta appunto, con la passione del vernacolo.  Cinque opere all’attivo, numerosi riconoscimenti ottenuti insieme  tantissimi premi vinti in quasi tutte le regioni d’Italia, da nord a sud, dalla Lombardia alla Sicilia.  Nel suo curriculum vanta anche la Menzione d’Onore al quarto posto del Premio letterario Internazionale “Europa” di Lugano, in Svizzera. Inoltre, molte delle sue poesie sono presenti, addirittura, in più di cinquanta antologie. Scherzando gli chiedo quanto gli sia costato corrompere tutti questi editori. Stando al gioco, sorride  e risponde: "Molto, anzi troppo!"
 In realtà, il suo è un talento autentico, riconosciuto, apprezzato e “certificato”  dai  tanti premi  e concorsi vinti. Tuttavia, le sue qualità fanno fatica a trovare il giusto riconoscimento in ambito locale.  Quando ci ritroviamo a parlarne, anche attraverso i microfoni di radio AKR, dimostra ovviamente la sua soddisfazione per i risultati ottenuti, non nascondendo però un certo rammarico per  quest’ultimo  aspetto.
Non essendo comunque tipo da lasciarsi scoraggiare, continua a guardare avanti e a coltivare  questa sua passione. In tutti i suoi precedenti lavori, a parte il primo dal titolo “Ad Acri si parla così ”, una sorta di dizionario acrese-italiano che fa da prologo a tutte le opere successive, si ritrovano momenti di vita vissuta, racconti di antichi mestieri, di usanze ormai scomparse, di luoghi del centro storico dove siamo cresciuti insieme. Non di rado nelle sue poesie riprendono vita persone che ormai esistono solo nei nostri ricordi. I suoi versi riescono a delinearne i tratti, ad animare  scene e frammenti di vita.    
In Profumi ‘e cosi antichi, Angelo Caninofa rivivere momenti del passato, facendone percepire con delicatezza e disincanto persino gli odori e gli antichi sapori. La presentazione di questo suo nuovo testo è prevista sabato 18 giugno, sarà dunque l’occasione per ritrovare quelle sensazioni ed emozioni che solo la sua bella poesia dialettale sa regalare.

PUBBLICATO 15/06/2016 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS   |  LETTO 722  
I fatti della settimana. Acqua, fuoco, terra
Questa settimana, poniamo la nostra attenzione su tre questioni importanti. Acqua; della carenza idrica, di cui soffre una parte di territorio, ce ne siamo occupati spesso, dando voce a istituzioni, ...
Leggi tutto

FAVOLE  |  LETTO 331  
La fata immaginaria
E il viaggio continuava, presi la mia valigia dei pensieri con me e iniziai a percorrere nuovamente la strada dei ricordi e di nuove avventure... ...
Leggi tutto

RECENSIONE  |  LETTO 412  
"Il cielo in un pallone" di De Cicco
Instrumentum adoperato, a guisa di tecnica narrativa di livello qualitativo performante e caratterizzante.... ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 2332  
Covid19. Dopo tre mesi ritornano i deceduti
Riportiamo questa notizia perché la riteniamo importante ai fini della prevenzione. Dopo tre mesi, ritornano i morti per Covid19. Questa mattina, è morto l'uomo ricoverato in rianimazione a Cosenza ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1568  
Esasperati
Mancano poco più di dici minuti alle ore 20:00 e in via Sant’Umile di Bisignano c’è un certo fermento. La serata è fresca, gli animi dei presenti però sono già surriscaldati. ...
Leggi tutto