POLITICA Letto 4475  |    Stampa articolo

Cosimo Fabbricatore: “nei miei confronti quattro anni di scorrettezze e affronti”

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
condividi su Facebook
Questioni prettamente personali e non giammai politiche ed amministrative, mi hanno portato ad effettuare questa decisione.” Cosimo Fabbricatore, ex consigliere di maggioranza, già presidente del Consiglio Comunale, uno dei nove consiglieri dimissionari (gli altri otto sono della minoranza), illustra i motivi che lo hanno spinto ad essere stato uno dei corresponsabili dello scioglimento anticipato del Consiglio Comunale.
Lo fa in poco meno di un’ora, con il solito equilibrio che lo contraddistingue, con pacatezza, a tratti con commozione, senza insulti, rimpianti ed offese.
Chiarisce subito: “non sono un traditore, le mie dimissioni sono scaturite dai cattivi ed, oramai, inesistenti rapporti personali con il resto dei consiglieri di maggioranza e con alcuni assessori.”
Ed aggiunge: “in quattro anni, da Presidente dell’Assise, ho subito vari affronti, dalle sfiducie all’isolamento in cui la maggioranza voleva cacciarmi attraverso riunioni segrete, dalle accuse di favorire l’opposizione allo sgarbo alle ultime elezioni provinciali quando alcuni consiglieri di maggioranza non solo non mi hanno votato ma hanno anche immortalato la loro preferenza, nonostante ciò mi sono sempre comportato correttamente e coerentemente.”
Sul perché si è accordato con la minoranza, dice: “sarebbe stato inutile, lungo e, quindi, dannoso per la città, un passaggio in Consiglio Comunale, luogo dove si dovrebbe discutere di politica ma alla base delle mie decisioni non c’è nulla di politico.”
Ed aggiunge: “ho sposato un progetto ambizioso, redatto nel 2012 con l’ex sindaco Tenuta e l’ex assessore Benvenuto, risultato vincente alle elezioni del 2013, e che ci ha permesso di effettuare delle scelte importanti seppure in un momento difficile. Dal punto di vista amministrativo rifarei tutto, anche se nell’ultimo periodo la maggioranza aveva perso la bussola e ridotto gli spazi democratici impedendo, ad esempio, al sito locale Acri In Rete, la trasmissione, gratuita, dei lavori del Consiglio Comunale.”
Fabbricatore
ammette i malumori: “negli ultimi tempi mi sentivo a disagio, familiari ed elettori, anche vicino a questa Amministrazione, mi invitavano ad abbandonare, il gesto permette il termine di un’esperienza ed un nuovo Consiglio Comunale a breve scadenza.”
Fabbricatore ricostruisce le ultime ore che hanno preceduto le sue dimissioni: “ho visto il sindaco Tenuta che mi ha fatto alcune proposte, a me non interessava la poltrona ma un cambio di rotta, quando ho capito che ciò era impossibile ho contattato gli altri consiglieri, nessuna pressione, quindi, da parte loro nè promesse per il futuro.” E precisa: “la situazione era diventata insostenibile ed avrei preso questa decisione anche se fossi stato eletto al Consiglio Provinciale.”
Ed ancora: “all’interno della maggioranza e dell’esecutivo vi era anche un clima di odio verso alcuni avversari ed addirittura Enti (Fondazione Padula, ndr), non siamo stati capaci di dialogare con i Governi nazionali e regionali, e ciò ha rallentato la nostra azione amministrativa.
Infine confessa: “sarò in campo anche nella prossima campagna elettorale.”

Conferenza Stampa (prima parte)


Conferenza Stampa (seconda parte)

PUBBLICATO 06/02/2017 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 563  
Uffici postali. Ecco il nuovo orario
Continua il progressivo ritorno alla normalità anche negli uffici postali della provincia di Cosenza. Da ieri, lunedì 21 settembre, le sedi di Mandatoriccio, Acri, Dipignano, Casali del Manco, Monta ...
Leggi tutto

CRONACA  |  LETTO 4515  
Giornalista acrese minacciata ad un seggio elettorale
Brutta vicenda accorsa a Giulia Zanfino (nella foto), nostra concittadina nonchè giornalista de Il Fatto Quotidiano e Repubblica.it. La notizia è riportata da Lo Strillone news che così scrive; guai a ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1603  
Referendum. Ad Acri vince il SI
L'Ufficio elettorale del Comune ha appena diramato i risultati definitivi riguardanti il Referendum Costituzionale sul taglio dei Parlamentari. Ha votato il 38,8% ovvero 6377. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 302  
Arci Cosenza offre sostegno e supporto alle scuole del territorio
In un periodo tanto complesso e complicato in cui non bisogna identificare solo un buon mash up di tutte le competenze, le capacità e le conoscenze possibili e disponibili per rendere migliore questo ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 294  
Sapere meglio, è meglio
Un mio lontano parente, proveniente da Troia, ma di origine greca, per certe malintese con Nettuno ed altri abitanti dell’Olimpo, fu costretto a vagabondare nei dintorni della Calabria e per intervist ...
Leggi tutto