Opinione Letto 1345  |    Stampa articolo

Figurelle!

Son of gun
Foto © Acri In Rete
DOMANDA N° 1
Ma quelli del galà di beneficenza stanno ancora contando i soldi raccolti? Ci piacerebbe sapere quanto la borghesia acrese è riuscita ad elargire per le popolazioni colpite dal maremoto!
A liste elettorali pubblicate è manifesto che era un Galà elettorale, altro che beneficenza e altruismo.

DOMANDA N° 2
Ma si credono dei santi questi candidati?
Le "figurelle" che già entrano nelle nostre case, i famosi santini che ritraggono i candidati in pose sorridenti, rassicuranti, eleganti, pulite e ammiccanti l'indeciso elettore, stanno aumentando di numero e, quando sono corredate da curriculum, fanno apparire l'aspirante consigliere come un fenomeno della natura che ha in tasca i miracoli per questo paese e si gioca la faccia da subito su un rettangolino di cartoncino colorato. Questa nuova cultura che pone l'immagine al di sopra del contenuto, tanto portatrice di una scarsezza di sostanza, è quasi un invito ad una moderna e furente iconoclastia acciocché questi candidati si sentano meno santi capaci di prodigiosi azioni per questo paese e più uomini che, candidandosi, si sono presi una non irrilevante responsabilità di dirsi possibili amministratori della cosa pubblica.

DOMANDA N° 3
Quali condottieri, ideatori di stratagemmi talmente fumosi quanto inutili, hanno riempito le liste elettorali per le prossime elezioni amministrative?
I vari partiti hanno tirato giù nomi improponibili e voltagabbana.
Nipoti di onorevoli tappano buchi lasciati vuoti dall'inflazione di vocazione socialista.
Padre e figlia in due liste diverse a sostegno dello stesso candidato a sindaco; in baffo al detto che le colpe dei padri non ricadono sui figli, ma rappresentando uno dei rari casi in cui le colpe dei padri diventano azioni e peccati ancora più neri dei figli.
Con la canna del gas in bocca hanno stilato le liste; con la canna del gas questa enorme mole di candidati soffocherà il paese.

IMBONIMENTO
Ha un cesto di rugiada
il ciarlatano del cielo
.
Giuseppe Ungaretti

Non me ne voglia il maestro Ungaretti per il furto di queste splendide parole che, da attentatore della letteratura, affianco ad un tema ipocrita e prosaico come la campagna elettorale, ma il ciarlatano del cielo dovrebbe tirar giù il suo intero cesto di perturbazioni per lavare e purificare i ciarlatani della politica che, da destra a manca, popolano e fanno tremolare di disgusto questo nostro paese.

PUBBLICATO 12/3/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2653  
Il presente vivente!
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
Leggi tutto

Foto  |  LETTO 2445  
Momenti di Natale.
Il presepe nella tradizione popolare acrese.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2360  
Viva l'Italia!
L'Anas ha scaricato una decina di giorni fa, su di uno slargo della ss 660 a fianco della ormai famosa "baracca dei guardiani della frana", un'intera camionata di sale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1996  
"Calabria Cinema in Bianco e Nero".
Inizia oggi la rassegna "Calabria Cinema in Bianco e Nero" patrocinata dalla Provincia di Cosenza, legata al 1° premio cinematografico "Amedeo Nazzari".
Leggi tutto

News  |  LETTO 2578  
Quel ristorante diventato preda delle celebrità.
Sono tanti nella storia di Acri gli atti di generosità di quanti hanno abbandonato la città in cerca di fortuna altrove.
Leggi tutto