Opinione Letto 1156  |    Stampa articolo

La paura fa novanta.

Comitato giovanile per la rinascita di Acri
Foto © Acri In Rete
La sera del 16 marzo, subito dopo il successo della manifestazione organizzata dal centrosinistra alla presenza dell'onorevole Fassino il centro destra ha dato prova dei nervosismi che lo scuotono recentemente fino a turbarne il sonno e lo ha fatto per bocca di uno dei tanti pennivendoli. E' difficile che si possa definire diversamente uno che si limita a scrivere su eventi cronachistici in maniera totalmente sterile e quando si impegna a scrivere qualcosa di diverso lo fa per osannare e incensare qualcuno.
Stavolta il sig.r Roberto Saporito non ha resistito e si è precipitato a descrivere l'evento in una maniera che nemmeno Emilio Fede avrebbe saputo fare.
C'è n'era per tutti Fassino che non ha parlato di programmi; Adamo che ha definito Chiaravallotti il peggiore presidente che la Calabria abbia mai avuto e infine Coschignano che avrebbe parlato di programmi ma richiamando molte cose già in cantiere.
Caro Roberto Saporito capiamo che bisogna campare, che tieni famiglia ma, per favore, un minimo di dignità.
1. ridurre l'intervento di Fassino nei termini in cui lo hai ridotto si giustifica solo con l'esigenza di sminuire un evento la cui portata è così grossa che avete sentito subito l'esigenza di ridimensionarla. Non è cosa di tutti i giorni che il segretario del maggior partito italiano si muova per un centro tutto sommato di non grosse dimensioni, se lo ha fatto è per rendere onore e merito a quelle persone che hanno permesso al centrosinistra di ridiventare protagonista ad Acri.
2. Che Chiaravallotti sia stato il peggiore presidente che la nostra regione abbia mai avuto non è un pensiero personale di quel cattivone di Adamo: lo stesso centro destra ne ha dato un giudizio negativo non ricandidandolo (cosa unica nel panorama nazionale).
3. Quanto ai programmi: non solo Coschignano lo ha presentato ampiamente domenica 06/03/2005 ma volendo puoi consultarlo sul sito sgacri.com.
La verità caro Roberto Saporito e che non avete più argomenti che vi siete trovati spiazzati di fronte ad una coalizione a cui cantavate già i "de profundis" e che ora vi fa paura.
Invece di menare il can per l'aia prova, se riesci a controbattere alle argomentazioni addotte da Flavio Sposato a proposito della 660 e del nuovo collegamento, il resto serve solo a mascherare un vuoto ideologico e una paura che sfiora il parossismo.
Ci piace concludere con un adagio popolare: "n'tiempu e china ugne ruospu nata".
Con l'augurio sincero che tu possa imparare a nuotare da solo e dando prova di destreggiarti adeguatamente in ogni tipo di acqua e con qualsiasi tipo di clima.




PUBBLICATO 17/3/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2655  
Il presente vivente!
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
Leggi tutto

Foto  |  LETTO 2445  
Momenti di Natale.
Il presepe nella tradizione popolare acrese.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2361  
Viva l'Italia!
L'Anas ha scaricato una decina di giorni fa, su di uno slargo della ss 660 a fianco della ormai famosa "baracca dei guardiani della frana", un'intera camionata di sale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1997  
"Calabria Cinema in Bianco e Nero".
Inizia oggi la rassegna "Calabria Cinema in Bianco e Nero" patrocinata dalla Provincia di Cosenza, legata al 1° premio cinematografico "Amedeo Nazzari".
Leggi tutto

News  |  LETTO 2580  
Quel ristorante diventato preda delle celebrità.
Sono tanti nella storia di Acri gli atti di generosità di quanti hanno abbandonato la città in cerca di fortuna altrove.
Leggi tutto