News Letto 1059  |    Stampa articolo

I rifiuti sul Calamo 2!

Angelo Turano
Foto © Acri In Rete
Cari lettori e gentile redazione, due mesi fa circa questo stesso sito, venne pubblicata una mia "opinione", dal titolo: "I rifiuti sul Calamo", nella quale esprimevo il mio disappunto sull'inquinamento del fiume (ormai torrente) Calamo, derivante dalla sovrastante discarica; e prospettavo la bonifica da parte degli organi competenti.
A distanza di tutto questo tempo noto che il mio accorato appello non ha sensibilizzato poi così tante persone, visto che la discarica è ancora più grande e sta lì ad inquinare ancora di più. Non scoraggiato, ho deciso di impugnare nuovamente "penna e calamaio", e perché no ….. anche una fotocamera, per documentare questo orrore, con la speranza che questa volta il mio appello non passi inosservato. Per capirci meglio, l'orrore di cui parlavo, è la discarica ubicata in via Madonna del Rinfresco (difronte agli uffici anagrafe del Comune).
I rifiuti che qui giacciono, sebbene esista un container verde, vengono depositati sull'asfalto (impermeabile per il manto stradale), e l'immane cumulo che si viene a creare, riversa, grazie all'azione degli agenti atmosferici, parte dei suoi veleni all'interno delle acque del Calamo. Tali acque vengono poi usate a valle dai contadini per irrigare i campi, e buona parte dei prodotti agricoli così ottenuti finiscono poi sulle tavole dell'interland acrese.
Vorrei ora sottoporre alla vostra attenzione la documentazione fotografica: Dalle foto si nota una discarica di proporzioni non indifferenti, si può osservare anche un container di colore verde stracolmo di rifiuti e non in grado di contenere il tutto. A terra si può vedere una moltitudine di rifiuti, di cui alcuni tossici.




Si osserva anche un cartello, a mio avviso ben poco in vista che indica appositi contenitori (?) situati nella zona come in altre. Ma con questa affissione non viene né specificata la natura dei rifiuti, né gli orari in cui vi si possono depositare.
Un "apposito contenitore" effettivamente c'è, ma non riesco ad immaginare come un qualunque utente della discarica possa usufruirne senza l'aiuto di una pala meccanica, di una scala o di addetti, considerando che l'altezza del container supera 2,5 m.




Per finire queste foto non hanno bisogno di commento!
Fiducioso dell'interessamento degli addetti al settore, affinché si possa effettuare una bonifica mirata ed un'analisi delle acque; e del rispetto della natura da parte dei cittadini, colgo l'occasione per porgere i miei più distinti saluti.

PUBBLICATO 4/7/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2494  
Il presente vivente!
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
Leggi tutto

Foto  |  LETTO 2235  
Momenti di Natale.
Il presepe nella tradizione popolare acrese.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2162  
Viva l'Italia!
L'Anas ha scaricato una decina di giorni fa, su di uno slargo della ss 660 a fianco della ormai famosa "baracca dei guardiani della frana", un'intera camionata di sale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1808  
"Calabria Cinema in Bianco e Nero".
Inizia oggi la rassegna "Calabria Cinema in Bianco e Nero" patrocinata dalla Provincia di Cosenza, legata al 1° premio cinematografico "Amedeo Nazzari".
Leggi tutto

News  |  LETTO 2404  
Quel ristorante diventato preda delle celebrità.
Sono tanti nella storia di Acri gli atti di generosità di quanti hanno abbandonato la città in cerca di fortuna altrove.
Leggi tutto