Opinione Letto 1085  |    Stampa articolo

Si potrebbe chiamare supponenza, o presunzione, se preferite …

Gianluca Garotto
Foto © Acri In Rete
Si potrebbe chiamare supponenza, o presunzione, se preferite…
Questo è l'atteggiamento di quanti hanno, da più parti, elaborato delle ipotesi sulla vicenda scaturita dal mio articolo "Vorremmo capire …", ipotesi che in alcuni casi hanno tratteggiato un quadro misterioso di reconditi interessi e mancati guadagni, i quali sarebbero all'origine di un mio deliberato comportamento: prendere di mira, per ripicca, sempre e comunque il nostro attuale primo cittadino; io spero si tratti di provocazioni, perché se fossero pensieri "veri" delle persone, che, ahimè, non hanno avuto neppure la correttezza di firmarsi, sarebbe triste, molto triste.
Questo uno dei motivi del mio silenzio …
Non ho più risposto, non ho chiesto scusa al sindaco (come da più parti mi si suggeriva), non ho replicato all'amico Piero, tutto intenzionalmente, perché il mio sito, e ribadisco mio, per quanto sia un organo d'informazione aperto a chiunque, anche se casalingo, spontaneo e dunque libero, non può e non deve essere il luogo in cui sbandierare colloqui di natura del tutto confidenziale; qualcuno, tempo fa, ha parlato di patti tra gentiluomini, è questo il caso.
Ho rispolverato un mio vecchio intervento, che rispondeva al sig. Feraco, webmaster di acri.info, chiedo scusa a tutti per l'autocitazione, ma mi appare, in questo frangente, necessaria,
"…questo sito non è nato con finalità politiche, (…), è nato con l'intento di offrire un servizio ai cittadini, con la volontà di creare un luogo, anche se virtuale, in cui far incontrare le persone, anche quelle lontane."
La forza di acrinrete credo sia oggi e sia sempre stata questa, i luoghi di incontro sono i luoghi in cui le persone parlano, discutono, litigano, si azzuffano, e fin quando esisteranno i luoghi in cui le persone potranno incontrarsi si potrà, nonostante tutto, affermare l'esistenza della libertà.

Un'ultima cosa a proposito del mio atto di dolore, ho capito purtroppo che qualcuno difetta di senso dell'umorismo e si lancia in interpretazioni di questo gesto, che definire lontane dal mio spirito è poco, l'ironia è un gran dono, che evidentemente non tutti possiedono.

PUBBLICATO 21/7/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2494  
Il presente vivente!
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
Leggi tutto

Foto  |  LETTO 2235  
Momenti di Natale.
Il presepe nella tradizione popolare acrese.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2162  
Viva l'Italia!
L'Anas ha scaricato una decina di giorni fa, su di uno slargo della ss 660 a fianco della ormai famosa "baracca dei guardiani della frana", un'intera camionata di sale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1808  
"Calabria Cinema in Bianco e Nero".
Inizia oggi la rassegna "Calabria Cinema in Bianco e Nero" patrocinata dalla Provincia di Cosenza, legata al 1° premio cinematografico "Amedeo Nazzari".
Leggi tutto

News  |  LETTO 2404  
Quel ristorante diventato preda delle celebrità.
Sono tanti nella storia di Acri gli atti di generosità di quanti hanno abbandonato la città in cerca di fortuna altrove.
Leggi tutto