Opinione Letto 1291  |    Stampa articolo

Il sassolino.

Lorenzo Infantino
Foto © Acri In Rete
Cari lettori, dopo un periodo di doveroso silenzio, scrivo questo articolo per far sapere che cambiano gli attori ma il film è sempre lo stesso.
Mi spiego: con questo non voglio giudicare l'attuale amministrazione comunale, visto il poco tempo da quando è al potere. Penso però che tranne l'attuale sindaco e qualche giovane, il resto fa parte di un minestrone già riscaldato e di un carrozzone che inperversa sul nostro paese da troppo tempo.
Secondo il mio modesto parere quello che manca all'attuale sinistra acrese è una vera forza di sinistra : visto che Rifondazione più che il Pdci, sono appiattite sulle posizioni della sinistra democratica, manca quel collante naturale tra una forza proletaria, che fanno della difesa dei meno abbienti la loro vera vocazione.
Dietro i soliti noti il nulla, non una forza che si contrapponga all'egemonia della sinistra pseudo borghese, vedo invece il preoccupante fenomeno dei clan familiari, amici, cugini, nipoti etc, etc.
Neanche l'amministrazione Tenuta era riuscita in questo gioco del prendiamoci tutto ... tranne naturalmente il clan di PAPA', che le proprie trame le tesse tuttora. Non dimentichiamo che i presunti COMUNISTI ad Acri sono stati quelli che hanno occupato con parenti e lacchè i vari enti pubblici : scuole, ospedale, enel, poste etc, etc.
Voglio raccontarvi un'episodio che mi è successo appena dopo le elezioni; una signora, mia ex vicina di casa mi dava del compagno venduto nonchè del fascista, asservito al potere del dott. Ferraro e del centrodestra. Gli feci notare non avevo, a differenza sua, nessun posto da difendere, anzi; la suddetta gode di un buon posto pubblico come anche il marito, e che proprio comunista non poteva definirsi, lei di rimando disse di non avere figli da sistemare.....allo stato attuale la figliola collabora con l'attuale amministrazione comunale, in cerca di quella sistemazione a cui tutti aspiriamo, io per primo : avendo prole, essendo disoccupato e con un titolo di studio. ma si sa lo sciocco vede il dito e non la luna. Scrivo tutto questo non essendo legato a nessun partito, dopo la breve esperienza in Acri Nostra non intendo intraprendere nessuna altra esperienza politica, mancandomi doti necessarie ... ma riesco bene ad analizzare gli inciuci della classe politica acrese, sia essa di destra che di sinistra, alla quale non frega niente dei bisogni dei meno abbienti. Vedo polemiche inutili sul sito del sindaco, sull'amfiteatro, sui vari musei...ma cavolo e i veri problemi chi li dovrebbe risolvere?
La vera questione morale acrese, sta nel fatto che nessuno intende fermare la pratica di sistemare alcuni a danno di altri, forse più competenti....sono gli pseudocomunisti che la fanno da padrone, accusando di essere fascista chi come me non ha nulla di cui vergognarsi; i miei peccati li ho pagati, non con bustarelle o leccate di c... ma con la mia coscienza cara signora che non aveva figli da sistemare. Guardi piuttosto nel suo di passato, se per dove adesso si trova, qualche marchetta seppur morale l'ha dovuta fare.

Con stima Lorenzo Infantino

PUBBLICATO 5/9/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2653  
Il presente vivente!
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
Leggi tutto

Foto  |  LETTO 2445  
Momenti di Natale.
Il presepe nella tradizione popolare acrese.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2360  
Viva l'Italia!
L'Anas ha scaricato una decina di giorni fa, su di uno slargo della ss 660 a fianco della ormai famosa "baracca dei guardiani della frana", un'intera camionata di sale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1996  
"Calabria Cinema in Bianco e Nero".
Inizia oggi la rassegna "Calabria Cinema in Bianco e Nero" patrocinata dalla Provincia di Cosenza, legata al 1° premio cinematografico "Amedeo Nazzari".
Leggi tutto

News  |  LETTO 2578  
Quel ristorante diventato preda delle celebrità.
Sono tanti nella storia di Acri gli atti di generosità di quanti hanno abbandonato la città in cerca di fortuna altrove.
Leggi tutto