News Letto 1764  |    Stampa articolo

La demolizione della Scuola “V. Padula”.

Francesco Foggia
Foto © Acri In Rete

La memoria è una caratteristica ineludibile per i popoli che vogliono costruirsi un futuro serio e duraturo (il mondo greco-romano l’aveva
divinizzata con la dea Mnemosine). Per quelli che si rivolgono a valorizzare solo “l’oggi”, divinizzando il Denaro, perde d’importanza il passato, ma perde
d’importanza il futuro (il concetto di “investimento sui giovani, sul rispetto della dignità umana, sulla cultura” lo ritengono anacronistico).
La perdita della memoria storica viene, però, biasimata da più parti, perché porta qualsiasi popolazione al suo decadimento. Vogliamo, allora, analizzare
ciò che sta succedendo?
Non c’è dubbio che gli ultimi cinque anni sono stati di sfacelo economico, civile e morale per il popolo italiano. O qualcuno si aspettava qualcosa di
buono da coloro che hanno impostato la loro politica e il Governo dell’Italia con mentalità da “squali della finanza” e da “imprenditori senza scrupoli”?
Quale stima riceveva chi irrideva leader europei alle spalle, facendo le corna con le mani, in una foto di gruppo? Quale garanzia può dare un Capo di Governo
che confida sul suo aspetto fisico (lifting, chioma, altezza, ecc.) e sulle sue doti di seduttore nei rapporti internazionali? Quale affidabilità si può
riconoscere a coloro (ad eccezione di Follini e di Fini) che hanno soprasseduto sulle gaffe dell’attuale premier ed hanno fatto passare la “devolution”
dell’Italia, la legge “ex Cirielli”, la riforma elettorale e tante altre leggi “ad personam”? Questo legiferare non ha evidenziato la volontà dei nostri
governanti di approfittare del momento mirando alla “dissolution” dell’Italia, per ricavare il massimo profitto politico e, probabilmente, il massimo
tornaconto personale?
Ciò che hanno realizzato i berlusconiani può essere ritenuto vantaggioso per l’intera popolazione italiana?
Il popolo dell’Ulivo ritiene di no, e così gli elettori che si sono ravveduti in questo tempo.
Quello che lasciano 5 anni di “allegra” politica non si riterrà per niente “occasione da sfruttare”.
Perché, allora, il popolo acrese deve subire le scelte decise della parte politica che ha sconfessato alle Elezioni europee, regionali, provinciali e
comunali? Perché la Giunta Coschignano deve farsi carico di ciò che ha avuto in eredità dalla politica berlusconiana? Per quale logica si vuole abbattere
l’edificio della Scuola Media “V. Padula”? Non ci si rende conto che con questa azione viene demolita la cultura della memoria storica, per far posto ad un
vacuo modernismo? O si pensa di difendere meglio la scuola pubblica eliminandone la presenza fisica?
Gli stessi abitanti avrebbero dovuto sentirsi declassati da una simile proposta, che impoverisce la vita del rione, a cui non si porrebbe rimedio
neanche se i festeggiamenti del B. Angelo durassero un intero mese. O qualcuno pensa di ripristinare quello che viene oggi perduto ubicandovi,
successivamente, una scuola privata, magari, utilizzando i locali del Convento dei Cappuccini ed attingendo alle casse dello Stato Italiano?
Non reggono, infatti, le motivazioni del turismo religioso perché i luoghi di culto quasi mai sono al centro di una piazza, e, se lo sono, quasi mai sono
accessibili ai pullman, come ad Assisi. E, poi, è fuori dubbio che prima di provvedere alla realizzazione delle infrastrutture necessarie si constati
l’esistenza di un pellegrinaggio verso il luogo di culto da più anni (vedi il Santuario della Madonna del Pettoruto, visitato da decine di migliaia di
pellegrini anche quando era servito da una mulattiera), altrimenti si creano solo “Cattedrali nel deserto”.
In Acri, con questo intendimento, si avrà una Basilica Minore “nel deserto”.
I Monaci e i devoti del B. Angelo potrebbero rivolgere le loro attenzioni all’area del Convento e predisporre l’edificio, prevalentemente vuoto,
all’accoglienza dei pellegrini.
I cittadini acresi desidererebbero che i propri Amministratori fossero oculati nella spesa, e che l’abbattimento di una struttura pubblica, di alta
funzionalità e di notevole valore economico, debba significare “l’ultima spiaggia” alla quale ricorrere; essi non dovrebbero venire minimamente sfiorati
dal dubbio che si operi per “capriccio personale”, fuori da ogni canone politico e amministrativo.
Con questa logica si potrebbe anche sindacare sullo spropositato interessamento verso la Basilica Minore e, magari, per compensazione, proporre altri progetti
di abbattimenti di case e sventramenti di versanti, per dare accessi più “consoni” alle chiese di S. Nicola di Mira, S. Maria Maggiore, S. Giorgio
Martire, S. Nicola di Belvedere, Santa Croce, ecc. E, perché non far toccare da questi “modernismi” anche il Palazzo Sanseverino-Falcone, la Torre Civica, il
Palazzo Padula (la cui scalinata esterna ha solo il pregio di visualizzare agli scolari il concetto delle rette sghembe), o vogliamo offrire ai visitatori di
Acri solo Messe?
Suvvia, politici e Giunta di centrosinistra, il popolo acrese non ne ha potuto più delle “trovate” dei berlusconiani (ma Follini non ne ha seguaci ad Acri?),
dimostrateci di amministrare con il senso di responsabilità in vostro possesso, avendo a cuore la tutela del Centro Storico di Acri, il cui valore non è legato
ai “modernismi stravolgenti“ ma alla sua conformazione urbanistica disegnata da una storia millenaria, e, quindi, alla sua conservazione. Queste estemporaneità
lasciamole agli altri, i nuovi interventi fateli altrove, gli acresi andrebbero fieri di avervi dato il voto e, alla lunga, ve ne sarebbero riconoscenti!

Francesco Foggia
Presidente Gruppo politico “L’Ulivo per Acri”


PUBBLICATO 3/12/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2476  
Il presente vivente!
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
Leggi tutto

Foto  |  LETTO 2209  
Momenti di Natale.
Il presepe nella tradizione popolare acrese.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2143  
Viva l'Italia!
L'Anas ha scaricato una decina di giorni fa, su di uno slargo della ss 660 a fianco della ormai famosa "baracca dei guardiani della frana", un'intera camionata di sale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1793  
"Calabria Cinema in Bianco e Nero".
Inizia oggi la rassegna "Calabria Cinema in Bianco e Nero" patrocinata dalla Provincia di Cosenza, legata al 1° premio cinematografico "Amedeo Nazzari".
Leggi tutto

News  |  LETTO 2387  
Quel ristorante diventato preda delle celebrità.
Sono tanti nella storia di Acri gli atti di generosità di quanti hanno abbandonato la città in cerca di fortuna altrove.
Leggi tutto