News Letto 2091  |    Stampa articolo

Il liceo "Julia" ancora occupato dagli studenti.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Sono tante le ragioni perché i circa trecento studenti del liceo scientifico "Julia" manifestano pacificamente all'interno della scuola.
Niente lezioni ed altre attività da lunedì. Sotto accusa non tanto i problemi nazionali, relativi alla devolution, finanziaria e riforma Moratti, quanto alcune questioni che interessano l'intera struttura nella quale studenti, docenti e personale ata, si sono trasferiti da appena un mese.
L'ingresso della scuola è ritenuto molto pericoloso perché situato in prossimità di una curva a gomito. Ma desta preoccupazione soprattutto la presenza di un traliccio ad alta tensione posto ad appena venti metri dalla scuola e dei fili a poca distante dalle aule.
Gli studenti, poi, lamentano diverse carenze. Mancano la palestra e di laboratori informatici e linguistici.
Che manchino, in un liceo scientifico, quelli di fisica e chimica è paradossale e grottesco. I
mpossibile anche accedere ad internet, inviare fax o telefonare: la struttura, nuova di zecca, è priva, infatti, della linea telefonica.
L'impianto di riscaldamento, invece, funziona a singhiozzo mentre è vietato utilizzare, per qualsiasi motivo, la fotocopiatrice. Problemi con cui gli studenti sono costretti a convivere da un mese.
Gli stessi si chiedono, infine, se l'edificio, articolato su cinque piani e composto da una ventina di aule, sia gestito dalla Provincia, così come richiede la legge, o sia ancora in mano ai privati. Come mai, si domandano gli studenti, non è stata effettuata l'inaugurazione?
E noi aggiungiamo: perché tanta fretta nel trasferire circa trecento studenti in locali ancora inadeguati?
I liceali in questi giorni sono scesi in piazza con al loro fianco gli alunni delle altre scuole e i genitori che chiedono la risoluzione delle questioni sollevate previo il rifiuto di mandare i propri figli a studiare in un luogo pericoloso e inadatto.


PUBBLICATO 5/12/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2477  
Il presente vivente!
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
Leggi tutto

Foto  |  LETTO 2210  
Momenti di Natale.
Il presepe nella tradizione popolare acrese.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2145  
Viva l'Italia!
L'Anas ha scaricato una decina di giorni fa, su di uno slargo della ss 660 a fianco della ormai famosa "baracca dei guardiani della frana", un'intera camionata di sale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1794  
"Calabria Cinema in Bianco e Nero".
Inizia oggi la rassegna "Calabria Cinema in Bianco e Nero" patrocinata dalla Provincia di Cosenza, legata al 1° premio cinematografico "Amedeo Nazzari".
Leggi tutto

News  |  LETTO 2387  
Quel ristorante diventato preda delle celebrità.
Sono tanti nella storia di Acri gli atti di generosità di quanti hanno abbandonato la città in cerca di fortuna altrove.
Leggi tutto