Comunicato Stampa. Letto 2445  |    Stampa articolo

La figura di Vincenzo Talarico.

Ufficio Stampa F. Padula
Foto © Acri In Rete
Nel corso dell’ultima edizione del premio “Vincenzo Padula”, ampio spazio è stato riservato alla figura di Vincenzo Talarico, a cui è anche dedicata la sezione internazionale.
In quest’ultima sono stati premiati, nelle due edizioni del Premio, Gabriele Salvatores e Gianni Amelio.
Talarico è stato giornalista, critico teatrale, scrittore e attore.
Ha vissuto a Roma negli anni della “dolce vita” di Via Veneto, frequentando autentici santuari della cultura del tempo, quali il Caffè Aragno, Rosati o Canova.
Qui lo si ritrovava a confrontarsi con gente come Ungaretti, Palazzeschi, Moravia, Guttuso, Flaiano, Repaci, Brancati o Alvaro.
Ha indossato la toga di avvocato in numerosi film di successo, quali “Un giorno in pretura”,”Il bigamo” o “Il vigile”.
Tra le varie iniziative connesse al Premio Padula, è stata collocata, nei pressi della casa natale di Talarico, nell’antico quartiere di Padia, una bacheca che ripercorre le fasi principali della sua esperienza di intellettuale poliedrico.
E’ stata scoperta durante una cerimonia cui hanno preso parte, tra gli altri, il sindaco di Acri, Elio Coschignano, che per l’occasione indossava la fascia tricolore; il presidente della fondazione Padula, Giuseppe Cristofaro; il regista Gianni Amelio; alcuni assessori comunali, parenti di Talarico e la polizia municipale in alta uniforme.
In questa circostanza è stato anche possibile visitare la casa in cui egli ha vissuto.
Nell’ultima giornata del Premio è stato inoltre presentato un video, realizzato da Santino Salerno e Antonio Panzarella, intitolato “Vincenzo Talarico, un calabrese a Roma”.
In circa trenta minuti scorrono le immagini di testimonianze d’eccezione, quali quelle di Ettore Scola o Walter Pedullà, oltre a scene ormai entrate a far parte della storia del cinema.
E’ stato anche distribuito uno specimen, cioè una sintesi di sedici pagine, del relativo volume, che, unitamente al dvd del video di Salerno e Panzarella, verrà presentato a Roma, a fine febbraio.
Il libro sarà pubblicato da Rubbettino.
Per il presidente Giuseppe Cristofaro, “con questa iniziativa, la fondazione Padula intende allargare gli orizzonti relazionali della città di Acri e contribuire così alla crescita culturale della stessa. Essa inoltre ambisce a collocarsi tra i soggetti e le istituzioni che, operando per la valorizzazione delle risorse culturali della regione, guardano fiduciosi verso una Calabria moderna, interprete autentica della sua storia e verso un nuovo Mezzogiorno, che, nel Paese e in Europa, sia finalmente al passo con i tempi e protagonista del proprio futuro”.



PUBBLICATO 6/12/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2476  
Il presente vivente!
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
Leggi tutto

Foto  |  LETTO 2209  
Momenti di Natale.
Il presepe nella tradizione popolare acrese.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2144  
Viva l'Italia!
L'Anas ha scaricato una decina di giorni fa, su di uno slargo della ss 660 a fianco della ormai famosa "baracca dei guardiani della frana", un'intera camionata di sale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1793  
"Calabria Cinema in Bianco e Nero".
Inizia oggi la rassegna "Calabria Cinema in Bianco e Nero" patrocinata dalla Provincia di Cosenza, legata al 1° premio cinematografico "Amedeo Nazzari".
Leggi tutto

News  |  LETTO 2387  
Quel ristorante diventato preda delle celebrità.
Sono tanti nella storia di Acri gli atti di generosità di quanti hanno abbandonato la città in cerca di fortuna altrove.
Leggi tutto