News Letto 2009  |    Stampa articolo

Il consiglio baby polemizza con la politica dei “grandi”.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Nei giorni scorsi,nella sale consiliare del palazzo Sanseverino- Falcone, si è riunito il consiglio comunale dei ragazzi, al quale hanno preso parte i 24 consiglieri eletti nelle due scuole medie e nei tre circoli didattici del territorio.era la riunione d’insediamento,nella quale sono stati eletti giunta e sindaco.
A pochi giorni di distanza sono scoppiate le prima polemiche.
In particolare, in una lettera la neo assessora alle Politiche Sociali, Elvira Rostanzo e le consigliere comunali Linda Minerva e Mariangela Bifano lamentano indebite ingerenze degli adulti e accordi disattesi. "Quanto entusiasmo - è scritto nel testo - quante aspettative prima di questo incontro! Abbiamo ricevuto delle targhe ricordo di questa esperienza e ,in un clima di festa,ci è stato spiegato il nostro ruolo all’ interno del consiglio. Si è parlato di legalità, di rispetto delle regole, di democrazia. Ci è stato suggerito di ragionare sempre con la nostra testa , di portare avanti sempre le nostre idee , di scegliere sempre in modo libero senza lasciarci influenzare dagli adulti. Quante belle parole! La proclamazione dei consiglieri eletti si è svolta in un clima di festa e di divertimento. Eppure, nel momento in cui con i tutor ci siamo riuniti per stabilire i criteri per la scelta del Presidente del consiglio e del Sindaco, ci siamo resi conto che quelle “belle parole” restavano solo parole. Non è vero che siamo stati lasciati liberi si scegliere,perché, mentre nelle prima votazione, relativa alla scelta del presidente del Consiglio, le regole stabilite sono state rispettate, nella seconda, relativa alla scelta del Sindaco,quelle regole,”per magia”, non hanno avuto più alcun valore. Il Consiglio Comunale dei ragazzi, come abbiamo appreso a scuola, nasce dall’esigenza di diffondere la cultura della legalità, dal bisogno di sensibilizzare noi giovani alla convivenza civile e democratica. Per noi questa esperienza non è e non sarà mai “una gara” , è l occasione per rafforzare la nostra formazione civile e sociale e per dimostrare che in molte occasioni riusciamo a essere più “grandi” di alcuni “adulti” , cioè , semplici ed essenziali, come solo noi ragazzi spontaneamente siamo!"

PUBBLICATO 19/12/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2476  
Il presente vivente!
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
Leggi tutto

Foto  |  LETTO 2210  
Momenti di Natale.
Il presepe nella tradizione popolare acrese.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2144  
Viva l'Italia!
L'Anas ha scaricato una decina di giorni fa, su di uno slargo della ss 660 a fianco della ormai famosa "baracca dei guardiani della frana", un'intera camionata di sale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1794  
"Calabria Cinema in Bianco e Nero".
Inizia oggi la rassegna "Calabria Cinema in Bianco e Nero" patrocinata dalla Provincia di Cosenza, legata al 1° premio cinematografico "Amedeo Nazzari".
Leggi tutto

News  |  LETTO 2387  
Quel ristorante diventato preda delle celebrità.
Sono tanti nella storia di Acri gli atti di generosità di quanti hanno abbandonato la città in cerca di fortuna altrove.
Leggi tutto