News Letto 2477  |    Stampa articolo

Il presente vivente!

Redazione
Foto © Acri In Rete
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
A dare vita (!) all'iniziativa è stata la Parrocchia di S. Maria Maggiore; con la fattiva collaborazione dell'Amministrazione Comunale, della Direzione Didattica del I° Circolo e dell'Oratorio F.M.Greco.
Non sarà una rappresentazione che si concluderà con un applauso, ma con la degustazione di cullurielli (e vi possiamo assicurare che come li fanno a Padia i cullurielli non li fanno da nessuna altra parte!), quindi, andiamoci a vedere questa rappresentazione della Natività, con i protagonisti classici e le figure della leggenda popolare ad essa connessa.
Andiamoci, perché un'ora dopo sarà tardi, in quanto questo presepio si muove e di stare immobile come quello delle nostre case proprio non ne ha voglia.

Buon 2006 a tutti voi da acrinrete!

PUBBLICATO 31/12/2005

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2476  
Il presente vivente!
Anche questo anno il presepio vivrà in quel di Padia, precisamente alla scuola elementare del centro storico, il 2 gennaio alle ore 17.00.
Leggi tutto

Foto  |  LETTO 2210  
Momenti di Natale.
Il presepe nella tradizione popolare acrese.
Leggi tutto

Opinione  |  LETTO 2145  
Viva l'Italia!
L'Anas ha scaricato una decina di giorni fa, su di uno slargo della ss 660 a fianco della ormai famosa "baracca dei guardiani della frana", un'intera camionata di sale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 1794  
"Calabria Cinema in Bianco e Nero".
Inizia oggi la rassegna "Calabria Cinema in Bianco e Nero" patrocinata dalla Provincia di Cosenza, legata al 1° premio cinematografico "Amedeo Nazzari".
Leggi tutto

News  |  LETTO 2387  
Quel ristorante diventato preda delle celebrità.
Sono tanti nella storia di Acri gli atti di generosità di quanti hanno abbandonato la città in cerca di fortuna altrove.
Leggi tutto