News Letto 1018  |    Stampa articolo

L’udc sulla Sibari – Sila: “il territorio ne esce mortificato.”

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Tutto il disappunto dell'Udc, per come è andata a finire la questione legata alla realizzazione del I° lotto della Sibari - Sila, in un incontro - dibattito partecipato e ricco di spunti di riflessione dal titolo "infrastrutture ad Acri tra verità, menzogne ed acrobazie politiche."
Allo Scudo Crociato premeva far conoscere le proprie ragioni riguardo la cosiddetta Sibari - Sila, dopo che l'amministrazione comunale, di concerto con quella provinciale, ha ritenuto opportuno cambiarne il tracciato rispetto a quello individuato dal centro destra. Secondo l'Udc il territorio acrese e la città sono stati penalizzati e mortificati da una classe politica furba, quella provinciale, ed incapace, quella comunale. Le sostanziali differenze tra i due tracciati e gli aspetti tecnici sono stati esposti dal consigliere comunale Cerlino il quale ha sottolineato come da una Sibari - Sila programmata in 44 km si realizzerà, invece, un sub lotto San Demetrio - Calamia di appena 2.6 km che lambirà per appena settanta metri il territorio acrese e facente parte del lotto principale San Demetrio - Duglia di circa 8 km del quale per il II° lotto Calamia - Duglia, non esiste né il progetto definitivo né la copertura finanziaria. Del ruolo propositivo dell'Udc e della complessa situazione politica - amministrativa che vive la città ne ha parlato il capogruppo alla regione, Michele Trematerra, mentre Feraudo, capogruppo di Idv al consiglio regionale nonché segretario della commissione per gli affari con l'Ue, ha ripercorso l'iter burocratico dell'arteria ammettendo la presenza di un finanziamento di trenta milioni di euro lasciati dalla precedente giunta.
Il dipietrista si è detto sconcertato di come si sia arrivati a questa pessima soluzione, ha accusato l'attuale giunta Coschigano di inefficacia ed inefficienza e si è detto pronto a dialogare, eventualmente, anche con forze politiche che non facciano parte dell'Unione.
Il senatore Trematrerra ha fatto notare come la città di Acri esca sconfitta sia per quanto riguarda la S.S.660 che per la strada che dovrà portare al mar Ionio ed ha annunciato che presenterà una serie di interrogazioni al ministero delle infrastrutture, quindi ha elogiato la furbizia del presidente della Provincia Oliverio e dell'ex parlamentare Marini che "hanno fatto il loro dovere al cospetto degli ingenui amministratori acresi."



PUBBLICATO 22/10/2007

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 2709  
La magia del presepe vivente.
Ritorna la magia del presepe vivente di Pertina. I volontari del circolo culturale ricreativo "Il Ritrovo" stanno definendo gli ultimi preparativi per una rappresentazione grandiosa e coinvolgente.
Leggi tutto

News  |  LETTO 2151  
Finanziamenti per il dissesto idrogeologico.
Il ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Alfonso Pecoraro Scanio su segnalazione dell'assessore regionale competente Diego Tommasi ha finanziato per il Comune di Acri ben 4 ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2295  
In una sala stracolma il Sen. Trematerra sferra il suo attacco di fine anno!
Tradizionale appuntamento di fine anno per lUDC con i trematerra. “il partito non andra’ nel pd, l’ospedale di acri perdera’ alcuni servizi, pessima la situazione locale.
Leggi tutto

News  |  LETTO 2373  
"Incontro con Acri: studiare il passato e progettare il futuro”.
Abbiamo intessuto uno stretto rapporto di collaborazione con le famiglie e con il mondo imprenditoriale, andando alla riscoperta di tradizioni che costituiscono l'anima di questa comunità.
Leggi tutto

News  |  LETTO 2292  
Gallico - Fc Acri: 0 - 1.
Un "Santo" Natale per l'Fc Calcio Acri. Un gol del giovane centrocampista rossonero regala vittoria e tre punti all'Fc Calcio Acri.
Leggi tutto