POLITICA Letto 2915  |    Stampa articolo

L’amarezza del PD.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Riflessioni e critiche, sulla situazione all'interno del Pd, giungono anche dalla cittadina silana dove i democratici possono contare su un numero consistete di iscritti. Un gruppo di essi, Pino Capalbo, consigliere comunale e segretario dimissionario, Gianluca Coschignano, Giuseppe Garofalo, Roberto Perri, Gianfranco Scalzo, Gianni Tripoli e Domenico Vaccaro, esprimo tutto il loro malessere in una nota. "Riteniamo, si legge, che non ci sia più traccia in Calabria del Partito Democratico, di quel partito che avrebbe dovuto favorire un cambiamento realistico e radicale della nostra regione, che avrebbe dovuto ridare speranza ai calabresi che credono nella capacità di autogoverno delle sue classi dirigenti e nei valori dell'innovazione, del talento, del merito, delle pari opportunità, ma che trovano oggi più di ieri la politica chiusa e che se provano ad avvicinarsi ad essa è più facile che si imbattano nella richiesta di aderire ad una corrente o ad un gruppo di potere, piuttosto che a un'idea, ad un progetto.
Oggi, con il problema irrisolto di Autonomia e Diritti, con l'elezione del capogruppo in consiglio regionale da parte di soli 5 consiglieri regionali su 15 di area PD, assistiamo al definitivo tramonto di un'idea, quella di un grande partito riformista di massa che avrebbe dovuto essere la stella polare attorno alla quale creare un nuovo e rigenerato centro sinistra distante dai conservatorismi di destra e sinistra, che ci avrebbe consentito di ridare dignità e normalità al nostro paese e alla nostra regione.
Oggi siamo convinti sia indispensabile un atto di grande responsabilità e generosità delle classi dirigenti regionali e del commissario Musi, ovvero indire prima delle prossime elezioni amministrative, i congressi provinciali e regionali. Ciò appare l'ultima opportunità, per costruire democraticamente un percorso unitario e condiviso che favorisca un reale ricambio delle classi dirigenti del partito affinché, dopo la passata e deludente amministrazione Loiero, figlia dell'autoreferenzialità, possa ripartire una nuova fase che ridia speranza alla Calabria e che, con particolare riguardo alla crisi economica, sappia individuare soluzioni concrete e sia in grado di definire una proposta che assuma come obiettivo la crescita e la modernizzazione della nostra regione da considerare come risorsa strategica di interesse nazionale.
Ci permettiamo di concludere con una frase di Vincenzo Cuoco autore di un libro sulla Rivoluzione Napoletana del 1799; "alla felicità dei popoli sono più necessari gli ordini che gli uomini." Gli ordini sono ovviamente le istituzioni tra le quali rientrano anche i partiti che gli uomini devono impegnarsi a preservare con le loro passioni e il loro impegno
."

PUBBLICATO 31/07/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 4035  
Presentato il libro di Lucia Pellicorio.
Lucia Pellicorio avvera il suo sogno. Titolo indovinato, quindi, per il volume di poesie edito da Progetto 2000 di Cosenza di Demetrio Guzzardi e Albamaria Frontino. Alla 35 enne Lucia la vita ha so ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3450  
Fc Acri - Palmese: 1 - 0.
Un gol di bomber Gallo e la capolista Acri liquida la pratica Palmese allungando a + 3 sull'inseguitrice Montalto. Ai cosentini basta un eurogol di Gallo servito in area da un assist prezioso e prec ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3460  
Feraudo (IDV): difesa del punto nascita perché disagiati orograficamente e non perche’ Acri e’ il paese di Trematerra.
L'unico documento ufficiale resta il fax inviato dal direttore sanitario De Paola ai responsabili del reparto di ostetricia nella mattinata di martedì dieci dicembre con il quale si comunicava la ri ...
Leggi tutto

AVVISO  |  LETTO 3893  
Chiusura delle scuole per Giovedì e Venerdì.
A causa delle avverse condizioni meteorologiche che hanno colpito il nostro territorio, il sindaco di Acri, Gino Trematerra, ha disposto la chiusura di tutte le scu ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3691  
Una mostra per riflettere e discutere sul borgo antico.
Si continua a parlare e riflettere sul centro storico. In prima fila, come sempre, il "Gruppo di Lavoro Progetto Centro Storico di Acri" che, dopo il seminario svoltosi qualche giorno fa, adesso par ...
Leggi tutto