NEWS Letto 2983  |    Stampa articolo

Protestano Lsu e Lpu

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
La delibera di giunta, approvata venerdì scorso, la n. 162, ha provocato dissensi e proteste tra le file dei precari Lsu-Lpu in servizio al Comune.
Qui l'esercito dei precari ha ormai raggiunto quasi la metà dell'organico.
Sono infatti ben 83 e sono determinanti per il funzionamento della macchina comunale.
Nella delibera in questione figura un elenco di 28 lavoratori precari che dallo scorso 1 ottobre faranno il tempo pieno, cioè 36 ore, a fronte delle trenta degli altri che dell'elenco non fanno parte.
Questa nello specifico la distribuzione nelle diverse mansioni: nove ai lavori pubblici, due al settore tecnico - manutentivi, quattro in segreteria, uno autoparco ed economato, due al settore urbanistica, due in ragioneria, due al settore didattico - culturale, cinque ai vigili urbani e uno ai servizi sociali.
L'elenco in realtà esisteva anche in precedenza, ma era composto di 23 lavoratori, tutti impiegati in operazioni esterne alla sede municipale.
Ora sono stati aggiunti altri cinque elementi, tutti amministrativi, cioè impiegati negli uffici.
Ieri mattina Lsu e Lpu hanno dato vita a un'assemblea, nei locali della Sala Polivalente per concordare il modo in cui chiedere conto al sindaco e alla giunta di questa decisione. Il loro malumore deriva dalla discrezionalità con la quale sarebbero stati individuati i cinque nomi. Insomma, una scelta arbitraria e non dettata da criteri oggettivi.
"Considerato che - si legge nella delibera 162 del 30-09-2011 - , stando la carenza di organico e le vigenti disposizioni in tema di contenimento di spesa per il personale, si rende opportuno per assicurare i servizi istituzionali dell'ente, impegnare per un orario superiore alle trenta ore settimanali i lavoratori Lsu-Lpu" riportati nell'elenco.
Tutto ciò è stato possibile poiché "la Regione Calabria ha autorizzato questo ente alla prosecuzione dell'utilizzo dei lavoratori di cui alla legge regionale n. 20 del 19 novembre 2003".
Non è ben chiaro se vi saranno altre forme di protesta e altre iniziative da mettere in campo per far pervenire agli amministratori il malessere determinato da una misura che dalla gran parte dei precari del Comune viene percepita come ingiusta e penalizzante.


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 05-10-2011.

PUBBLICATO 06/10/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3393  
La numerazione dei Fuochi di Bisignano del 1732
Lo studio e la pubblicazione della numerazione dei fuochi della Città di Bisignano, iniziata il 10 maggio 1732 da Giovanni Notarianni, erario della Principal Camera, unitamente alle documentate noti ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3184  
L’Associazione di Volontariato A.S.P.A. in difesa dell’Ospedale di Acri
La nascita del Comitato “Cittadini Liberi”contro il ridimensionamento dell’Ospedale Civile di Acri, per iniziativa di un gruppo di giovani che sta al di fuori di logiche politiche, per non correre i ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3313  
Scaramuzzo: «Occhio alla Valle Grecanica»
E' un Acri che prosegue nella sua preparazione, quello che domenica scorsa è riuscita a strappare, in doppia inferiorità numerica, il pareggio col Noto. Il punto preso contro un ottimo avversario ch ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3791  
Anziana picchiata per rapina, morta 12 giorni dopo
Una donna di 83 anni, Maria Cofone, che il 12 novembre scorso era stata malmenata nella sua abitazione per un tentativo di rapina, e' morta oggi ad Acri. La Procura ha disposto l'autopsia per stabil ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3608  
Assise aperta per l’ospedale
Decisa dopo le proteste del Pd. A fine settimana la seduta straordinaria. Numerose le iniziative intraprese per la salvaguardia del nosocomio “Beato Angelo”.
Leggi tutto