RELIGIONE Letto 2082  |    Stampa articolo

Esigenza di coerenza...

sac. Sergio Groccia
Foto © Acri In Rete
Se guardiamo alla storia del cristianesimo scorgiamo ombre e luci; le prime sono costituite dalle infedeltà e dalle incoerenze spesso così evidenti e clamorose da lasciare increduli; da essere attraversati dall'interrogativo di come sia stato possibile a partire da Gesù di Nazaret e dal suo Vangelo ricostruire un sistema religioso di separatezza e di potere che con lui non ha niente a che fare, che anzi, ne smentisce l'insegnamento.
Le seconde, le luci, sono luminose e intense perché emanano dalla testimonianza fedele e coerente di donne e uomini, anche suore, preti, vescovi davvero credenti, profeti, tanti anche martiri.
Riconoscendo gli esiti positivi della buona notizia del Vangelo che ha segnato comunità e popoli interi e ha lasciato tracce positive e profonde nella storia, dobbiamo umilmente e con sincera memoria penitenziale riconoscere che lo straordinario insegnamento di Gesù di Nazaret è stato e continua ad essere non solo tradito per infedeltà e incoerenza, ma peggio ancora utilizzato come vanto e orgoglio nominalistici come copertura a scelte e comportamenti antitetici all'insegnamento stesso.
Se, ad esempio, osserviamo il nostro Paese questa considerazione è evidente. Paese cattolico (chissà come anche cristiano!?!) con una percentuale altissima di battezzati, con il riferimento a Roma sede del papa e capitale mondiale storica della Chiesa, registra un tasso altissimo e pervasivo di illegalità e corruzione, di presenza e ramificazione delle organizzazioni criminali e mafiose; una politica lontana dalla gente con un esercizio del potere che offre protezione e vantaggi . E tutti o comunque in gran parte continuano a dichiararsi credenti, cattolici, a riferirsi a Dio pubblicamente, a vantarsene.
Com'è possibile? Probabilmente perché ciascuno si riferisce al Dio fatto a propria immagine e misura.
E nel contempo, in nome di questo riferimento e di questa appartenenza si accumula e si arricchisce; si disprezzano i poveri e gli ultimi; si è razzisti verso gli immigrati; ci si difende e si attacca, non ci si apre all'incontro, al dialogo, alla condivisione, ad un comune cammino per un futuro più umano.
La responsabilità di aver ricevuto in dono, in patrimonio lo straordinario Vangelo di Gesù di Nazaret e di averlo sminuito, accantonato, utilizzato e di continuare a farlo è davvero un grande e continuo tradimento ed è imperdonabile, specie quando è voluto e calcolato.
A queste riflessioni ci invita il Vangelo di Matteo 21, 33-43 con la parabola di una vigna ben organizzata dal proprietario, poi affittata ad alcuni contadini, prima della sua partenza per un viaggio lontano. "Quando si avvicinò il tempo della vendemmia, mandò dai contadini i suoi servi per ricevere la sua parte di raccolto. Ma quei contadini presero i suoi servi e, uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo colpirono con le pietre".
La vigna rappresenta l'umanità coinvolta dalla presenza del Signore e dal suo insegnamento di giustizia, pace e fraternità. Tanti però, a partire da chi riveste un compito di guida e di responsabilità si sentono padroni, usano tutto e tutti per i loro scopi di potere e di ricchezza; rifiutano, respingono, anche uccidono i profeti e i testimoni che Dio invia per rendere presente e vivo il suo insegnamento. E questo non una, ma più volte.
Alla fine, il proprietario della vigna (che rappresenta Dio) invia il figlio (Gesù): ma quei contadini decidono di ucciderlo per ereditare quella terra e i suoi prodotti.
Gesù, parlando così si riferisce a se stesso, dato che gli è sempre più evidente la fine violenta che stanno preparandogli. E commenta con una citazione profetica: "La pietra che i costruttori hanno rifiutato è diventata la pietra più importante. Questa è opera del Signore ed è una meraviglia per i nostri occhi. Per questo vi assicuro che il regno di Dio sarà tolto a voi e sarà dato alla gente che farà crescere i suoi frutti".
Quanti profeti: donne, uomini e comunità, non sono stati ascoltati, ma rifiutati nella Chiesa e nella società! Quanti non sono ricordati nella loro esemplarità viva!
Le pietre vive di un futuro umano sono le persone che ogni giorno costruiscono giustizia, pace, fraternità.
Spesso sono considerate sognatrici, illuse, velleitarie, scartate dai costruttori di questo sistema. Ma sulle loro opere si costruirà l'umanità più autentica.

PUBBLICATO 07/10/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3393  
La numerazione dei Fuochi di Bisignano del 1732
Lo studio e la pubblicazione della numerazione dei fuochi della Città di Bisignano, iniziata il 10 maggio 1732 da Giovanni Notarianni, erario della Principal Camera, unitamente alle documentate noti ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3183  
L’Associazione di Volontariato A.S.P.A. in difesa dell’Ospedale di Acri
La nascita del Comitato “Cittadini Liberi”contro il ridimensionamento dell’Ospedale Civile di Acri, per iniziativa di un gruppo di giovani che sta al di fuori di logiche politiche, per non correre i ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3313  
Scaramuzzo: «Occhio alla Valle Grecanica»
E' un Acri che prosegue nella sua preparazione, quello che domenica scorsa è riuscita a strappare, in doppia inferiorità numerica, il pareggio col Noto. Il punto preso contro un ottimo avversario ch ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3791  
Anziana picchiata per rapina, morta 12 giorni dopo
Una donna di 83 anni, Maria Cofone, che il 12 novembre scorso era stata malmenata nella sua abitazione per un tentativo di rapina, e' morta oggi ad Acri. La Procura ha disposto l'autopsia per stabil ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3607  
Assise aperta per l’ospedale
Decisa dopo le proteste del Pd. A fine settimana la seduta straordinaria. Numerose le iniziative intraprese per la salvaguardia del nosocomio “Beato Angelo”.
Leggi tutto