OPINIONE Letto 3717  |    Stampa articolo

Enel produzione idroelettrica abbandona la Calabria

Alessandro Cofone
Foto © Acri In Rete
Un' altra azienda sta per abbandonare la Calabria… il nuovo riassetto organizzativo presentato dall'Enel produzione area idroelettrica, non lascia infatti ben sperare per tanti lavoratori calabresi.
Il 15 settembre scorso l'Enel ha consegnato alle Segreterie Sindacali Nazionali di categoria "il documento di ristrutturazione della filiera produzione idroelettrica" dove si evince che il nucleo regionale di Acri verrà superato.
Non appena hanno appreso la notizia, i dipendenti hanno convocato un'assemblea straordinaria con i vertici dei sindacati elettrici regionali calabresi durante la quale sono emerse forti preoccupazioni per il futuro assetto organizzativo che si vorrebbe dare affidando gran parte delle responsabilità alle strutture campane.
Si perderà, di fatto, tutta quella capacità di interlocuzione locale che è parte integrante di una corretta ed efficace erogazione di servizi per il territorio. Queste decisioni avrebbero poi riflessi economici e ricadute occupazionali, che seppur contenute in termini assoluti, per una realtà come quella di Acri, sono estremamente significative.
La ristrutturazione, così com'è stata proposta, comporterebbe la cancellazione del nucleo idroelettrico di Acri e, contestualmente, l'individuazione di una nuovo nucleo operativo nella regione Campania, relegando pertanto ad una funzione residuale la realtà calabrese.
Questo comporterebbe lo spostamento di professionalità e attività fuori dalla nostra regione, nonostante in Calabria ci siano centrali, dighe, serbatoi e bacini che garantiscono una buona produzione di energia da fonte rinnovabile.
Il nucleo idroelettrico di Acri con la struttura attuale garantisce, infatti, impianti con una potenza di circa 350MW, sette centrali su due regioni (Calabria e Basilicata), cinque grandi dighe, canali e gallerie per 86 km. La sede di ENEL Produzione è presente sul territorio acrese dal 1954, da quando sono entrati in esercizio gli impianti sul fiume Mucone. Non si può pertanto accettare che pur avendo negli anni realizzato una buona produzione di energia (con una media di circa 750 milioni di KWh annui) l'Enel lasci solo poco più di una decina di posti di lavoro rispetto ai cento che erano presenti nei primi anni del 2000.
I dipendenti ENEL si sono rivolti anche al Sindaco Gino Trematerra il quale ha prontamente risposto scrivendo ai vertici di Enel Produzione affinché "non si mortifichi Acri e l'intera regione Calabria" perché lo spostamento di gran parte della produzione "sarebbe un atto che non trova valide giustificazioni considerando le gravi difficoltà economiche in cui versa la nostra regione e le eccessive distanze che separano gli impianti da una eventuale sede in Campania".

PUBBLICATO 10/10/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3393  
La numerazione dei Fuochi di Bisignano del 1732
Lo studio e la pubblicazione della numerazione dei fuochi della Città di Bisignano, iniziata il 10 maggio 1732 da Giovanni Notarianni, erario della Principal Camera, unitamente alle documentate noti ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3183  
L’Associazione di Volontariato A.S.P.A. in difesa dell’Ospedale di Acri
La nascita del Comitato “Cittadini Liberi”contro il ridimensionamento dell’Ospedale Civile di Acri, per iniziativa di un gruppo di giovani che sta al di fuori di logiche politiche, per non correre i ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3313  
Scaramuzzo: «Occhio alla Valle Grecanica»
E' un Acri che prosegue nella sua preparazione, quello che domenica scorsa è riuscita a strappare, in doppia inferiorità numerica, il pareggio col Noto. Il punto preso contro un ottimo avversario ch ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3791  
Anziana picchiata per rapina, morta 12 giorni dopo
Una donna di 83 anni, Maria Cofone, che il 12 novembre scorso era stata malmenata nella sua abitazione per un tentativo di rapina, e' morta oggi ad Acri. La Procura ha disposto l'autopsia per stabil ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3607  
Assise aperta per l’ospedale
Decisa dopo le proteste del Pd. A fine settimana la seduta straordinaria. Numerose le iniziative intraprese per la salvaguardia del nosocomio “Beato Angelo”.
Leggi tutto