POLITICA Letto 3172  |    Stampa articolo

Giunta Coschignano prosciolta

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
L’ex giunta comunale, guidata dall’allora sindaco Elio Coschignano, in carica dal 2005 al 2010, ieri, in uno studio tecnico privato, ha convocato una conferenza stampa per sottolineare, non senza una punta di legittimo orgoglio, il proscioglimento, con la formula “perché il fatto non sussiste”, in merito alla vicenda relativa alla costruzione di un centro commerciale - culturale, nella zona Merolini.
La notizia dell’informazione di garanzia risale allo scorso mese di gennaio, mentre ieri, al termine dell’udienza preliminare davanti al Gip Salvatore Carpino, è stata decisa l’uscita con formula piena degli amministratori e di alcuni tecnici. Sette degli indagati sono comunque stati rinviati a giudizio. Per quanto riguarda l’allora giunta, sono stati prosciolti l’ex sindaco Elio Coschignano e i suoi assessori dell’epoca Franco Monaco, Giuseppe Capalbo, Salvatore Fabbricatore, Salvatore Montalto, Bruno Pascuzzo, Franco Falco e Mario Bonacci. Ieri alla conferenza erano presenti tutti, tranne Bonacci e Montalto, tenuti lontano da altri impegni. In sostanza, gli ex amministratori erano stati tirati in ballo, quando ormai non erano più in carica, per una vicenda legata a un progetto dei Pru (Piano di Recupero Urbano). In questi interventi la caratteristica peculiare è rappresentata dal coinvolgimento di privati in interventi pubblici. In questo caso si trattava di un centro commerciale, per la realizzazione del quale l’impresa privata si era impegnata a finanziare opere pubbliche per un importo do 800 mila euro. L’accusa agli amministratori era quella di aver deciso in giunta ciò che invece doveva essere approvato in consiglio comunale.
«L’accusa - ha ricordato ieri in conferenza stampa l’ex sindaco Elio Coschignano - era stata firmata da due cittadini, che tuttavia si erano prestati alle manovre di autorevoli esponenti del centro – destra». Per Coschignano, «ha vinto l’atteggiamento di chi, come noi, ha preferito in questi mesi mettere da parte l’indignazione per l’essere sbattuti in prima pagina come colpevoli e di fornire alla magistratura elementi tali da indurre i giudici ad archiviare le accuse mosse ingiustamente nei nostri confronti».
L’ex sindaco rivendica orgogliosamente «la condotta pulita e dignitosa di chi ha voluto solo impegnarsi per il bene della comunità acrese ed è stato fatto vittima di miserabili attacchi politici ». L’ex primo cittadino ha parlato per tutto l’esecutivo e, anche a nome dei suoi ex collaboratori, ha voluto «ringraziare per l’ottimo lavoro gli avvocati Franz Caruso e Sergio Algieri». Gli 800 mila euro che l’impresa si era impegnata a versare servivano per opere di arredo del costruendo teatro comunale e per la strada che passa nell’ex villa comunale di Cappuccini, proprio davanti all’Anfiteatro.
Per Coschignano, «si tratta di soldi che i privati regalavano al pubblico e per i quali abbiamo dovuto subire un ingiusta gogna mediatica ».


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 12-10-2011.

PUBBLICATO 12/10/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3393  
La numerazione dei Fuochi di Bisignano del 1732
Lo studio e la pubblicazione della numerazione dei fuochi della Città di Bisignano, iniziata il 10 maggio 1732 da Giovanni Notarianni, erario della Principal Camera, unitamente alle documentate noti ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3183  
L’Associazione di Volontariato A.S.P.A. in difesa dell’Ospedale di Acri
La nascita del Comitato “Cittadini Liberi”contro il ridimensionamento dell’Ospedale Civile di Acri, per iniziativa di un gruppo di giovani che sta al di fuori di logiche politiche, per non correre i ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3313  
Scaramuzzo: «Occhio alla Valle Grecanica»
E' un Acri che prosegue nella sua preparazione, quello che domenica scorsa è riuscita a strappare, in doppia inferiorità numerica, il pareggio col Noto. Il punto preso contro un ottimo avversario ch ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3791  
Anziana picchiata per rapina, morta 12 giorni dopo
Una donna di 83 anni, Maria Cofone, che il 12 novembre scorso era stata malmenata nella sua abitazione per un tentativo di rapina, e' morta oggi ad Acri. La Procura ha disposto l'autopsia per stabil ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3607  
Assise aperta per l’ospedale
Decisa dopo le proteste del Pd. A fine settimana la seduta straordinaria. Numerose le iniziative intraprese per la salvaguardia del nosocomio “Beato Angelo”.
Leggi tutto