OPINIONE Letto 3002  |    Stampa articolo

Nessuno tocchi l’ospedale

Marcello Perri
Foto © Acri In Rete
Il ritorno alla propria terra, alle proprie radici, agli affetti e alle tradizioni credo sia una delle cose più belle in assoluto. Ultimamente, però, tornare ad Acri ha significato per me ritrovarsi davanti ad uno scenario al quanto triste: per le strade poca gente, soprattutto pochi giovani, quasi tutti altrove a cercar fortuna e realizzazione.
A compensare questa mancanza solo branchi di cani randagi che gironzolano e invadono il nostro verde indisturbati. Che tristezza! E, a pensarci bene, non è l'unica situazione deludente con la quale devono confrontarsi i miei concittadini. Perché a rammaricarci c'è anche la situazione dell'ospedale.
In un periodo storico di profonda crisi per la nazione, dove ogni giorno assistiamo al lento sprofondare dell'Italia grazie al sempre amato Berlusconi, a risentirne sono anche le realtà regionali. Per far fronte ai vari problemi di deficit determinati dall'enorme buco finanziario della sanità calabrese, il Presidente Scopelliti è stato costretto ad attuare una manovra di rientro che ha causato la chiusura di strutture sanitarie in diverse parti della Calabria, tra cui il presidio Beato Angelo D'Acri. Da quando si è cominciato a parlare di "tagli" numerose sono state le voci che si sono succedute, molte volte illusoriamente "rassicuranti". Ma alla fine, tra una chiacchiera e l'altra, è giunta la chiusura del primo reparto, la ginecologia. E con essa l'inizio di enormi problemi per le partorienti, costrette a "girovagare" tra Cosenza, Corigliano ed altre strutture. Cosa non facile, soprattutto se si considera l'inefficienza dei collegamenti di qualsiasi tipo e lo stato attuale delle strade del nostro territorio.
Da qualche giorno il problema dell'ospedale è tornato d'attualità: questa volta si parla di ridimensionamento generale o addirittura di chiusura. E, a questo punto, le domande sorgono spontanee: cosa sarebbe Acri con un ospedale chiuso o "ridimensionato"? Che ospedale è un ospedale che non può agire nel pieno delle proprie possibilità? Qualcuno ha pensato agli enormi disagi a cui andrebbero incontro i cittadini? Troppe perplessità in merito e poche risposte reali. Rimane l'auspicio che chi governa faccia il possibile e si batta con ogni mezzo per salvare l'ospedale, mantenendo la promessa tante volte ripetuta in questi ultimi mesi: "L'ospedale non si tocca". Troverà attuazione, prima o poi, questa frase? Speriamo!
Non vorremmo ritrovarci a dover dire, con le parole di qualche saggio: "Cambiano i musicisti, ma la musica è sempre la stessa!".

PUBBLICATO 13/10/2011

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3393  
La numerazione dei Fuochi di Bisignano del 1732
Lo studio e la pubblicazione della numerazione dei fuochi della Città di Bisignano, iniziata il 10 maggio 1732 da Giovanni Notarianni, erario della Principal Camera, unitamente alle documentate noti ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 3183  
L’Associazione di Volontariato A.S.P.A. in difesa dell’Ospedale di Acri
La nascita del Comitato “Cittadini Liberi”contro il ridimensionamento dell’Ospedale Civile di Acri, per iniziativa di un gruppo di giovani che sta al di fuori di logiche politiche, per non correre i ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 3312  
Scaramuzzo: «Occhio alla Valle Grecanica»
E' un Acri che prosegue nella sua preparazione, quello che domenica scorsa è riuscita a strappare, in doppia inferiorità numerica, il pareggio col Noto. Il punto preso contro un ottimo avversario ch ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3791  
Anziana picchiata per rapina, morta 12 giorni dopo
Una donna di 83 anni, Maria Cofone, che il 12 novembre scorso era stata malmenata nella sua abitazione per un tentativo di rapina, e' morta oggi ad Acri. La Procura ha disposto l'autopsia per stabil ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3607  
Assise aperta per l’ospedale
Decisa dopo le proteste del Pd. A fine settimana la seduta straordinaria. Numerose le iniziative intraprese per la salvaguardia del nosocomio “Beato Angelo”.
Leggi tutto