NEWS Letto 3496  |    Stampa articolo

Ospedale. Ecografo guasto. Disagi e disservizi per medici e utenti

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
Il Commissario regionale alla sanità Massimo Scura, e quello provinciale, Gianfranco Filippelli , continuano a rassicurare cittadini ed istituzioni riguardo il futuro dell’ospedale Beato Angelo. I due massimi esponenti istituzionali della sanità calabrese, incontrati più volte dal sindaco Tenuta e da altre forze politiche, hanno assicurato un potenziamento in termini di personale e strumentazione, tra cui una risonanza magnetica di ultima generazione.
Scura
, inoltre, aveva promesso la pubblicazione del nuovo decreto nello scorso mese di novembre. Esso dovrà sostituire quello dell’aprile scorso. Al momento, però, nulla di tutto ciò. Anzi, a quanto pare, il presidio di via Ippocrate continua a vivere momenti critici che mettono in difficoltà medici, paramedici e utenti. I primi, oramai, non sanno più che risposte dare alle tante esigenze e richieste di una vasta comunità, i secondi sono costretti a rivolgersi altrove o a lunghi tempi di attesa anche per un semplice esame. L’ultimo disservizio, in ordine di tempo, riguarda il guasto che interessa l’ecografo multidisciplinare in dotazione al reparto di medicina ed al pronto soccorso. Da molte settimane, quindi, l’ospedale non è in grado di fornire esami di estrema importanza, tra cui ecocardiografie.
Nei giorni scorsi, pare che il primario del reparto di medicina, Ferdinando Laghi, in forza, però, all’ospedale di Castrovillari, abbia inviato una nota anche al responsabile del pronto soccorso al fine di invitarlo ad non accettare pazienti che devono ricorrere all’ecografo. Praticamente, la struttura più importante di un ospedale deve fare a meno di uno strumento indispensabile. Grave e paradossale. I medici, interpellati, alzano le spalle, gli utenti sono infuriati.
La comunità locale, ma anche quella limitrofa, spera di trovare sotto l’albero di Natale il nuovo decreto, un atto che dovrebbe riorganizzare il presidio al fine di ridargli dignità e funzioni. Nel nuovo decreto il Beato Angelo dovrebbe essere denominato “ospedale di area disagiata” e, quindi, avere una serie di servizi importanti, seppure senza primari e chirurgia di urgenza. Ma i disagi, al momento, sono tanti e palesi.     

PUBBLICATO 17/12/2015





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 4996  
La voce del silenzio
Sono d’accordo con chi pensa che la questione ospedale sia diventata ormai  una  sorta di scommessa. Capirne le dinamiche è complicato. Le cose vanno come in questi giorni va il traffico nelle g ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 5887  
Scomparso Lorenzo Sammarro. Il ricordo del sindaco Tenuta
Dopo una lunga malattia, è scomparso, a Bologna, Lorenzo Sammarro, medico cardiologo ma anche sindaco della città sul finire degli anni ’80 ed esponente di spicco dell’allora Democrazia Cristiana. I f ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 5325  
Acri, un'"Aministrazione" a prova di palo in fronte
“Il prossimo dovrà essere l’anno della svolta, per il Comune e per la città intera“, così il sindaco di Acri, Nicola Tenuta, ai suoi cittadini in occasione delle feste natalizie. Ed i risultati si son ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4067  
Il bruzio di Padula in ciascuno di noi. Il prossimo 3 gennaio proiezione
“La penna di Bruzio”, il film documentario su Vincenzo Padula, sarà proiettato il prossimo 3 gennaio alle ore 20.30 nel Palazzo Sanseverino – Falcone.  Ne danno notizia le associazioni “Stato delle pe ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 4764  
Calabria che fu
Dopo aver letto l'articolo di Francesco Spina sul vergognoso e quartomondista disservizio del compromesso ospedale acrese non posso ribadire quanta vergogna ho (ancora una volta) per essermi ritrovato ...
Leggi tutto