POLITICA Letto 3144  |    Stampa articolo

Politica. Guccione (area Dems) su Oliverio, PD e Sanita’. Tutti bocciati. Ed annuncia 30 milioni per la 660

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
condividi su Facebook
Un nuovo centro sinistra per unire la Calabria”, questo il titolo di un dibattito organizzato da Area Dems ed a cui hanno partecipato Raffaele Gencarelli, Giuseppe Terranova, Angelo Violetta ed il consigliere regionale Carlo Guccione, referente in Calabria di Area Dems che a livello nazionale fa capo al ministro Andrea Orlando. Si è trattata della prima uscita locale di Area Dems che, spiega Guccione, “non vuole essere un nuovo soggetto politico ma una fazione posta a sinistra e funzionale al Partito Democratico.”
Durante l’incontro sono stati toccati diversi temi, locali e regionali, politici ed amministrativi. Terranova ha sottolineato l’importanza di riportare i cittadini ed i territori al centro dell’agenda politica attraverso il contatto diretto tra partiti e comunità, di essere chiari e i dire la verità , Violetta e Gencarelli hanno spiegato i motivi dell’adesione e gli obiettivi di Area Dems ad Acri.
In sala (solo come spettatori?) anche l’ex sindaco Elio Coschignano e l’ex assessore regionale, già candidato a sindaco nel 2013 per il centro sinistra nonché presidente della Fondazione Padula, Giuseppe Cristofaro.
Guccione anima l’incontro; “se non ci sarà un’inversione di rotta nei metodi e nei contenuti, del Pd non rimarrà nulla, sia a livello nazionale che regionale, noi vogliamo dare il nostro valido contributo e speriamo di essere ascoltati, di recente abbiamo perso molte competizioni elettorali tra cui Cosenza e Catanzaro, tutti i dati dicono di una Calabria in difficoltà ed il Pd, che governa da tre anni, non è esente da colpe.”
Quindi le stoccate al governatore Oliverio; “il programma va a rilento ed i ritardi si accumulano, aveva promesso di incatenarsi per protestare contro Scura e non lo ha fatto e la giunta, che doveva essere tecnica, è sempre più politica, stiamo perdendo pezzi ed elettori e non si può far finta di nulla perchè l’appuntamento del 4 marzo potrebbe decretare un’ulteriore perdita di consensi.”
A proposito di elezioni e candidature, aggiunge; “noi vogliamo esserci, mi auguro che Renzi dia spazio anche alla nostra area altrimenti ognuno si prenderà le proprie responsabilità.”
Guccione tocca anche tematiche locali; “l’ospedale va tutelato, nel 2010 mi opposi al ridimensionamento ma alcuni pezzi importanti del Pd locale preferirono fidarsi di Trematerra.”
Infine l’annuncio; “dal Cipe sono pronti trenta milioni per il secondo lotto della 660 Acri Chianette-bivio autostrada.”

PUBBLICATO 14/01/2018 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 862  
Fiore di loto
Acri è una città dove i fiumi sono diventati strade. Acri è una città dove il senso.... ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 651  
Il Murales dell’inclusione, della visibilità e della speranza
Lo scorso 3 agosto, a conclusione di settimane di piacevole e intenso lavoro, è stato inaugurato il Murales... ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 360  
Cammino Basiliano, mercoledì la presentazione
Del Cammino Basiliano, Acri in rete se ne è occupato nello scorso mese di gennaio... ...
Leggi tutto

ENTROTERRA  |  LETTO 238  
Ho attraversato il Veneto
Questo testo è nato da un post scritto da Giuliano, pugliese di Corato (Ba), dopo un viaggio attraverso il Veneto in un pomeriggio d’inverno, andata e ritorno da Recoaro Terme a Treviso. Claudia Fabr ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 368  
Calabria-Sicilia. Spunta il tunnel subalveo
Di questo argomento interessante, ce ne siamo occupati spesso (basta fare una semplice e veloce ricerca sul sito).... ...
Leggi tutto