COMUNICATO STAMPA Letto 1357  |    Stampa articolo

Picitti Stories-Tempo Presente. Partecipazione e consensi

Foto © Acri In Rete
Associazione ConimieiOcchi
condividi su Facebook
Come viviamo il tempo presente? Una domanda a cui è difficile rispondere. Ci ha provato l'associazione Conimieiocchi che per diversi mesi, ha studiato Acri, il suo territorio, i suoi abitanti.
Il progetto, cofinanziato dalla Regione Calabria, prende il nome di Picitti Stories - Tempo Presente, alla sua seconda edizione.
E si ispira al quartiere più antico della città di Acri, oggi abbandonato e diroccato.
L'associazione ha lavorato in partenariato con la Città di Acri, il comitato Pro Centro Storico, la Fondazione Padula, l'associazione LiberAccoglienza, la Fidapa, Legambiente Acri.
La sintesi di questa ricerca è stata rappresentata in uno spettacolo teatrale itinerante che ha coinvolto anche la comunità acrese.
Il rito finale si è rivelato una sequenza complessa di atti simbolici attraverso lo storytelling, la videoart e il soundscapes, rappresentazione dell'elaborato rapporto tra la vita sociale e la sua figurazione culturale.
Una sfida scenica che ha spinto il collettivo artistico a mettere a nudo la quotidianità delle aree interne della Calabria, nell'epoca postmoderna.
Il percorso itinerante è stato suddiviso in tre momenti tempo presente, immaginazione/trasformazione, la fiaba.
Di contro, le videoinstallazioni hanno raccontato miseria e bellezza di queste terre, mentre le voci dei giovani intervistati, con le loro riflessioni sul tempo presente, hanno scandito le immagini e aperto interrogativi sul restare o andare altrove. Il suono di un violino e la luce di una lanterna hanno guidato gli spettatori a spostarsi verso un altro ambiente.
E sono stati i bambini dell'I.C. "V. Padula", plesso Cappuccini, con la loro freschezza, a portare sulla scena il desiderio di cambiamento.
Infine, un volo sul paese addormentato, passando per il quartiere Picitti, tra case sventrate e vuote e la natura che si riprende gli spazi umanizzati, accompagnati dalle parole di Wim Wenders, tratte dal libro "Quel che resta", di Vito Teti.
Dopo gli applausi, un ritorno al tempo presente con un intervento a cura delle ragazze dell'I.T.C.G.T. Falcone, che hanno presentato un progetto di turismo esperienziale, realizzato all'interno del progetto "creativo" Picitti Stories. L'idea è ispirata a progetti già esistenti a Sud Italia, che hanno riscosso grande successo.
A collaborare a questo progetto sono stati anche i migranti della Casa di Abou Diabo, Laura Marchianò e l’associazione T.A.M.M.

PUBBLICATO 13/06/2019 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

NEWS   |  LETTO 2058  
Ospedale. Due nuove unità al Pronto Soccorso
Una buona notizia. Al Pronto Soccorso del Beato Angelo arrivano altre due unità a tempo indeterminato.... ...
Leggi tutto

ENTROTERRA  |  LETTO 883  
Una nuova via
La poca audacia di certe classi dirigenti spesso risulta causa dell’inespressa potenza di molti luoghi. È pur vero però, che non tutti coloro che li abitano ci vivono con sentita appartenenza: un ter ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1738  
Sanità. Sei inidoneo e sotto processo? Allora ti nomino Primario
E’ sempre più una società che premia incapaci, incompetenti, millantatori, inidonei. La pubblica amministrazione.... ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 1065  
Fc Calcio Acri. Il titolo sportivo è salvo
Settimana di passione quella che è appena passata per la compagine rossonera dell'Fc Calcio Acri. Dopo qualche settimana di silenzi, abbiamo deciso di “parlare” ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 628  
Da sempre, dalla parte dei cittadini
Coerentemente con i principi ispiratori del Movimento da me guidato, continuo a pensare che la via maestra da perseguire sia quella equidistante dalle nobili quanto purtroppo e spesso camuffate ideolo ...
Leggi tutto