OPINIONE Letto 643  |    Stampa articolo

Danilo Guido meets Leon Pantarei

Foto © Acri In Rete
Angelo Vaccaro
condividi su Facebook
Ho ascoltato questo capolavoro di bellezza ritmica e melodica lontano da casa e lontano dai clamori della città, mentre percorrevo in solitaria uno dei miei sentieri nella Timpa dei Dedideri.
Ascoltando i primi tre brani mi sono sentito un viaggiatore ai confini del mondo, ho visto i grandi biomi terrestri, ho attraversato il Sahara con una carovana di tuareg e ho danzato nelle praterie con i nativi americani, ho visto il mondo dalle cime della Ande seguendo il volo dei condor verso Machu Picchu.
Le percussioni ora lievi ora incalzanti si confondevano con le forze della natura come il vento, le acque impetuose o le misteriose voci delle montagne e delle foreste,e si intrecciavano con le struggenti melodie dei fiati, in un crescendo di prodigi sonori che mi portavano in mondi perduti e ogni volta ritrovati dal potete della fantasia.
E fiati e percussioni si inseguono, si abbracciano, si snodano come onde che vengono dagli abissi per accarezzare alla fine con dolcezza la sabbia delle rive.
E chiudendo gli occhi, nei brani che seguono, ci si può sedere a bere acquavite di datteri in un caffè di Casablanca, ad ammirare con emozione una ballerina nella danza del ventre in un locale di Istanbul, o fumare in un bivacco di pastori armeni guardando le stelle.
Brani di grande suggestione ove esecuzione e ascolto sono l’interfaccia della stessa antica e universale emozione della bellezza.
E pur muovendosi nell’alveo della tradizione artistica di Danilo Guido, ormai debordano dai confini del genere, vanno oltre i canoni del jazz, evidenziano una mutazione artistica e antropologica, creano nuove vie che si snodano in atmosfere indefinite.
Da profano della musica nella sua struttura epistemologica, ma da sognatore e amante attento dell’ascolto, penso che l’autore attraverso il meraviglioso sodalizio con il grande percussionista Leon Vulpitta Pantarei, si muove in uno snodo creativo destinato presto a stupirci.
Grazie.

PUBBLICATO 29/05/2020 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 178  
La simbologia del cavallo e la cavalcata fantastica
Presso le antiche civiltà, ogni essere vivente era considerato sacro e messo in relazione con il divino, in particolare gli animali erano oggetto di culto e si sviluppò la zoolatria a partire dal 3000 ...
Leggi tutto

Comunicato stampa  |  LETTO 242  
Proroga dei Durc, schiaffo al lavoro onesto. Appello ai parlamentari Calabresi
Quanto accaduto in Commissione Bilancio alla Camera, con la cancellazione dell’articolo del Decreto Rilancio... ...
Leggi tutto

Comunicato stampa  |  LETTO 747  
La sanità necessaria!
L’emergenza Coronavirus non è affatto finita, e l’urgenza di strutture sanitarie adeguate è impellente!.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 654  
Dopo circa sette anni il Partito Socialista di Acri ritorna in Assise
Dopo circa sette anni il Partito Socialista di Acri ritorna in Assise. Siamo ritornati protagonisti di un agone politico pieno di aspettative legittime, da parte dei cittadini, ma intriso di chiaro-sc ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1329  
Piazza P48, duro scontro tra Amministrazione Comunale e HortusAcri. In esclusiva lo scambio delle Mail
Lo scontro è, oramai, duro e senza esclusioni di colpi. Da una parte l’Amministrazione Comunale.... ...
Leggi tutto