OPINIONE Letto 897  |    Stampa articolo

VitaVizi

Foto © Acri In Rete
Franco Bifano
condividi su Facebook
Secondo voi si può vivere con 285,66 ero mensili? La domanda è retorica, ovviamente! La risposta è scontata: No! Eppure questa è la cifra destinata fino a pochi giorni fa alle persone non autosufficienti; persone, per intenderci, che non possono in alcun modo lavorare.
Adesso la Corte Costituzionale, finalmente, ha stabilito che questa evidente indecenza vìola l’articolo 38 della Costituzione. Quindi, a decorrere dal momento in cui questa sentenza verrà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, dovrebbe essere assicurato agli aventi diritto un assegno da 516,14 euro.
Certo è ancora molto poco, ma almeno è un piccolo segnale che dovrebbe spingere la nostra la classe politica ad intervenire con misure appropriate per adeguare l’assegno al reale costo della vita. Considerato, ad esempio, che chi ha diritto al tanto discusso reddito di cittadinanza incassa intorno alle 800 euro mensili.
Tuttavia, temo che tale adeguamento sia ben lontano dall’essere preso in considerazione. Quindi queste persone già fragili dovranno sopportare ancora a lungo questa palese ingiustizia e sopravvivere con una cifra nei fatti vergognosamente modesta!
D’altra parte, per far fronte e queste “quisquilie” non si ci sono mai risorse sufficienti. Almeno così ci dicono!
Risorse però che, anche se in parte, sarebbero potute arrivare dal taglio dei vitalizi dei parlamentari. E no! Spiacenti, ma quelli invece non si toccano! Lo hanno stabilito di recente i cinque membri (mai termine fu più appropriato) della Commissione contenziosi del Senato. Del resto i nostri instancabili parlamentari, mica possono morire di fame! Men che meno i loro eredi, considerato che il disdicevole privilegio non si estingue con la loro dipartita, ma continua ad essere incassato dai fortunati parenti. Dunque, per la casta e loro affini migliaia di euro mensili sono pochi mentre, come è noto, con 17,20 euro giornaliere i cittadini non autosufficienti possono scialacquare e darsi alla bella vita. Ahimè, così va il mondo alle italiche latitudini!
Appare grottesco che tutti si dicano scandalizzati dalla decisione presa dai 5 “folgorati” (illuminati pare esagerato) deputati a decidere. Persino i Partiti sembrerebbero prenderne le distanze. Eppure, la Commissione è saldamente in mano al centrodestra. Il Presidente infatti è un magistrato esponente di Forza Italia. Due Senatori invece fanno riferimento alla Lega, e gli altri due membri “laici” sono stati nominati da (Santa) Maria Elena Casellati (F.I), donna pia e timorata di Dio. Chissà poi perché alcune donne hanno lo stesso appeal di una melanzana moscia alla griglia!
Pur essendo la lingua italiana ricca di aggettivi, non me ne sovviene nessuno adatto alla circostanza. Solo un “garbato” turpiloquio potrebbe risultare un utile balsamo per lenire l’irritazione procurata da questo indecente vizietto che hanno i nostri politici. Quello cioè di far finta di eliminare un vergognoso privilegio accompagnandolo alla porta, facendolo però rientrare subito dopo dalla finestra. È successo così anche con il finanziamento ai Partiti, apparentemente abolito ma poi semplicemente “trasformato” in rimborso elettorale!

PUBBLICATO 29/06/2020 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 124  
Ospedale e Covid19, lavori terminati
A seguito di confronti con il management di Asp Cosenza e tecnici incaricati, il Dott. Pignatari (responsabile percorsi Covid), il Dott. Milito e con i medici chirurghi Dott. Azzinnari, Dott. Caravett ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 245  
Ospedale e Covid19, Acri In Rete pubblica le prove della chiusura del reparto di chirurgia
Nei giorni scorsi sono intervenuto per evidenziare l’errore della scelta del sindaco Capalbo di chiedere, ottenere ed esultare per il reparto Covid nell’ospedale di Acri.  ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 96  
La sanità è un bene comune
L’emergenza Covid 19 determina, certamente, alcune priorità a cui bisogna dare la giusta attenzione, anche per l’assenza totale di misure in questo senso, mai intraprese dagli enti prepost ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 149  
Unità Operativa COVID 19 nell'Ospedale Beato Angelo di Acri: potenziamento o ulteriore demansionamento?
La necessità di fronteggiare l’emergenza covid sta costringendo le strutture ospedaliere alla riconversione di reparti, precedentemente dedicati ad altre attività, al fine di ospitare malati bis ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 2537  
Ospedale e Covid19. Il responsabile di chirurgia si dimette? 'Ritengo esautorato il compito assegnatomi'
La realizzazione del reparto Covid19, all’interno del Beato Angelo, ha, inevitabilmente, innescato un acceso dibattito. Sull’argomento sono interventi associazioni, consiglieri regionali ed addirittu ...
Leggi tutto