POLITICA Letto 2592  |    Stampa articolo

Consiglio comunale. Il duro attacco di Caiaro

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook
E’ stata una delle pochi voci dell’opposizione, attraverso dati e fatti, a mettere in difficoltà la maggioranza. Luigi Caiaro, di Acri in comune, non risparmia critiche.
Sbandierate il riequilibrio del bilancio come fatto straordinario in realtà è stato un dovere da parte vostra, un dovere assegnato dalla legge.
Il piano di riequilibrio è stata una tabella di marcia dettata dall’ipotesi di bilancio approvata dalla Commissione del Ministero degli interni che ha imposto rigide prescrizioni.
Volete far passare come una vostra grandissima capacità ed una meravigliosa alchimia finanziaria, questo risultato ma in realtà è stato possibile solo grazie al sacrificio dei cittadini che hanno subito e sopportato sia il taglio di diversi servizi che l’ aumento della tassazione ai massimi livelli consentiti dalla legge.
Nessun merito vi potete e vi dovete arrogare, anzi avreste dovuto fare di più e meglio evitando spese superflue, sperperi legati a clientele politiche con incarichi e affidi diretti che vengono elargiti agli amici degli amici.
Sono sotto gli occhi di tutti le svariate determine di affidi diretti e di incarichi legali e professionali con parcelle astronomiche.
Il momento difficile imponeva un confronto con le forze di opposizione, nessuno può gioire nell’assistere ad un arretramento sul piano amministrativo e culturale della nostra città ridotta a poco più di un villaggio, che continua velocemente ed inesorabilmente la corsa verso il baratro.
Non si può più continuare a galleggiare nella mediocrità politica delle promesse e dei rinvii trincerandosi continuamente dietro la scusa del dissesto quando poi si effettuano continui affidi diretti e cospicui incarichi legali fiduciari in barba alle regole della buona amministrazione
.”
Quindi la riflessione sulla sanità; “Il presidio ospedaliero vive in una situazione a dir poco comatosa.
Diverse visite ambulatoriali e prestazioni non vengono più effettuate, cos’ come tace e risonanza magnetica e la chirurgia è stata chiusa.
E’ stato istituito il reparto covid che altro non è che un albergo a scapito degli altri reparti, una scelta effettuata senza una realistica programmazione e senza valutare profitti e perdite in termini di servizi alla cittadinanza.
Noi come gruppi di opposizione eravamo disponibili a fare una battaglia comune per il bene dell’ospedale, avete perso invece un’occasione
.”
Ed ancora; “ci sono attività in sofferenza che stanno chiudendo, quali sono i provvedimenti che avete messo in campo per dare ossigeno?
E non è sicuramente il marchio Deco, che non è un riconoscimento europeo ma solo un marchio locale o il servizio taxi, che potranno ridare slancio alle attività produttive
.”
Infine; “noi come consiglieri di opposizione vigileremo e controlleremo fino alla fine e vi invitiamo a maggiore oculatezza nella gestione delle risorse della res pubblica evitando spese di clientela politica e di campagna elettorale evitando di utilizzare la macchina comunale e le strutture comunali per scopi privatistici ed elettoralistici.”

PUBBLICATO 31/03/2021 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 892  
Lezioni di incoerenza politica
Nel comunicato intitolato “Cose fatte e obiettivi raggiunti in questi due anni a supporto dell’Amministrazione Capalbo”, lo schieramento politico locale di Articolo Uno esalta e millanta, a più ripres ...
Leggi tutto

LETTERA  |  LETTO 876  
In ricordo di Emilia Bifano
Ho conosciuto Emilia, prima che nella scuola materna di via Pastrengo, dove prestava servizio come collaboratrice, nel mio quartiere di nascita, Casalicchio, in cui anche lei abitava nei lontani anni ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1143  
Dipendente comunale non può incassare la pensione. L’amministrazione comunale chiarisce
Nelle scorse ore ci siamo occupati della vicenda di G.S., l’operaio del comune che, sebbene sia andato in pensione già da qualche mese, non la può incassare perché non ha raggiunto i contributi pensio ...
Leggi tutto

LIBRI  |  LETTO 284  
Alarico. Esce il libro “ Alarico, barbaro, cittadino romano e cristiano”
Dopo anni ed anni di ricerca, il geologo Giuseppe Rota, ha deciso di pubblicare un libro su Alarico, re dei visigoti morto a Cosenza e sepolto, secondo alcune testimonianze, nel fiume Busento ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 1801  
E’ andato in pensione ma non la può incassare. Di chi la colpa? Comune o regione?
Sebbene sia andato in pensione già da qualche mese, G.S. di Acri, non la può incassare. Gli mancano, infatti, i cosiddetti contributi figurativi che gli permettono di raggiungere il minimo ...
Leggi tutto