RECENSIONE Letto 324  |    Stampa articolo

Presentato il libro: Eqrem ҫabej, tra gli albanesi d'Italia

Foto © Acri In Rete
Gennaro De Cicco
condividi su Facebook


Domenica 24 ottobre č stato presentato, su iniziativa della Federazione Associazioni Arbėreshe, presso la sala conferenze di Villa Marchianņ a San Demetrio Corone, il libro: Eqrem Ҫabej, tra gli albanesi d’Italia (Editore: Besa Muci, curatela e prefazione di Matteo Mandalą, traduzione - tranne due studi tradotti direttamente dall'autore- di Giovanna Nanci, Bari, ottobre 2021).
Dopo i saluti istituzionali del Sindaco, dott. Ernesto Madeo, sono intervenuti il Presidente della F.A.A.. Damiano Guagliardi, il prof. Francesco Marchianņ, del direttivo F.A.A., e la figlia dello studioso di origine albanese, Brikena Ҫabej.
I lavori sono stati coordinati dal giornalista pubblicista, prof. Gennaro De Cicco. Operatore video: Mimmo Trapasso.
Il volume sugli Albanesi d’Italia, studi e ricerca sugli arbėreshė comprende una raccolta completa dei numerosi contributi che nel corso degli anni l’autorevole studioso albanese produsse sulla storia, la lingua, la letteratura e la cultura degli arbėreshė. Un lavoro editoriale che pone chiarezza – ha affermato Damiano Guagliardi – sulla popolazione migrante albanese. A dare una risposta sulla loro provenienza: gli studi linguistici ed etimologici, che scoprono nell’elemento autoctono il vero caposaldo e danno soluzione all’interrogativo.
Eqrem Ҫabej (1908-1980) si occupņ del mondo degli italo-albanesi all’inizio dei suoi studi, discutendo la sua tesi di dottorato presso l’Universitą di Vienna.
Il giovane Ҫabej inizio le sue ricerche, partendo da Piana degli Albanesi (PA). Raccolse poi testimonianze sulla provenienza degli arbėreshė in altre comunitą, attraverso studi etimologici e lessicali, studi sulla dialettologia e sulla toponomastica per rafforzare il concetto dell’origine degli arbėreshė, all’interno dei propri ampi confini albanesi, precisa il prof. Francesco Marchianņ, citando nel suo intervento anche eminenti studiosi, come Strabam Demiraj ed altri
A San Demetrio Corone, come testimoniano le immagini fotografiche di quel periodo, partecipņ all’evento Prima Settimana di Cultura Arbėreshe, organizzato da papąs Giuseppe Faraco, (direttore della rivista Zjarri, dove lo stesso Ҫabej scrisse nel 1977 un articolo dal titolo Gli italo-albanesi e le loro parlate) con il patrocinio della sezione dei commercianti e con la collaborazione di Radio Libera Skanderbeg.
Gli scritti del Ҫabej sono ancora un punto di riferimento per qualsiasi studioso che si interessi della collocazione della cultura e della lingua albanese nel contesto balcanico e indoeuropeo. Il suo č stato un vasto lavoro di ricerca che va dai testi scolastici sulla letteratura e sulla lingua allo studio dei testi antichi, come il Messale di Gjon Buzuku, primo libro albanese da lui resi noto. Il suo Studime etimologjike nė fushė tė shqipes, Studi etimologici nel campo dell’ albanese) č una vera enciclopedia della lingua albanese.

PUBBLICATO 25/10/2021 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

EDITORIALE  |  LETTO 1475  
Angelo Rocco a dieci anni dalla morte. Stranamente e ingiustamente dimenticato
Sono dieci anni esatti che Angelo Rocco non č pił tra noi. E’ morto a 75 anni. E’ stato, di certo, uno dei protagonisti della vita politica di Acri. Maestro di scuola elementare, a 27 anni prende la t ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 726  
La Cisl regionale verso il congresso confederale. L’acrese Tripoli guida la Felsa
Con i congressi delle diverse federazioni di categoria la Cisl calabrese sta andando a grandi passi verso il congresso regionale della confederazione, previsto per il 28 febbraio e il 1° marzo. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 550  
Per una corretta informazione
Assistiamo, da un po’ di tempo, ad attacchi piuttosto frequenti verso l’amministrazione comunale e verso i componenti della giunta da parte di un sito locale. Che il sito in questione porti ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 930  
Rifiuti utenti Covid19. Poca organizzazione
Ancora una volta l’amministrazione si dimostra poco organizzata, ora a farne le spese sono le persone alle prese con questa nuova ondata, che oltre alle gią problematiche inerenti al virus, ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 2598  
Covid-19 e scuola. L'assordante e imbarazzante silenzio dell’assessore alla pubblica istruzione
Non solo i cittadini colpiti dal virus vengono lasciati soli e non sanno a quale Santo rivolgersi per ricevere risposte ma a quanto pare anche gli studenti. Genitori (non solo le mamme per caritą) e s ...
Leggi tutto