MEDICINA Letto 740  |    Stampa articolo

Le emozioni negative non sono tutte uguali

Foto © Acri In Rete
Giuseppe Gencarelli
condividi su Facebook


Un’emozione può essere sì negativa, ma non per questo patologica. Esiste una marcata differenza tra le emozioni negative funzionali e le emozioni negative disfunzionali o patologiche. Darwin disse “le emozioni ci comunicano che abbiamo un problema che richiede attenzione e risposta”.
Le emozioni negative patologiche non permettono alle persone di raggiungere i loro scopi, di risolvere i problemi, peggiorano il processo decisionale e molto spesso portano ad un comportamento controproducente.
Mentre è assolutamente appropriato sentirsi tristi, anche molto tristi, per una perdita, ad esempio la morte di una persona cara, quando questa tristezza perdura per molto tempo, diventa debilitante o diventa depressione, allora sfocia in un problema che richiede attenzione e risoluzione. A questo punto potremmo dire che non si tratta più di emozione negativa funzionale, ma di emozione negativa patologica.
Certo, non è facile distinguere i due “tipi”, potrebbe essere utile riflettere sul fatto che le emozioni negative funzionali, per quanto intense, non vengono vissute come atroci o lancinanti.
Per quanto riguarda il comportamento, le emozioni patologiche portano ad azioni che ostacolano la risoluzione dei problemi.
Dal punto di vista sociale questi comportamenti hanno maggiori probabilità di attirare punizioni e/o di allontanare gli altri.
Anche i termini utilizzati possono evidenziare la distinzione tra emozioni negative sane ed emozioni negative patologiche, c’è differenza tra “Preoccupazione” e “Ansia patologica” tra Rimorso/Senso di colpa, Rammarico/Vergogna, Fastidio/Rabbia patologica, ed appunto Tristezza/Depressione.
Le emozioni negative sane non influenzano in maniera avversa le aree di funzionamento della persona, le emozioni patologiche invece interferiscono con le normali attività quotidiane di chi le prova o delle persone vicine.
Es. A è la mamma di un adolescente che il fine settimana esce a divertirsi con gli amici. A ha talmente tanta Ansia che chiama ogni mezz’ora per assicurarsi che il figlio stia bene, questo è motivo di litigio tra i due.
B è la mamma di un adolescente che il fine settimana esce a divertirsi con gli amici. B è preoccupata quando il figlio esce, lo chiama solo per dirgli che sta andando a dormire e per ribadirgli il solito “Stai attento”.

PUBBLICATO 20/12/2021 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 762  
la strada è già tracciata
La strada è già tracciata, lo aveva preannunciato in campagna elettorale il riconfermato sindaco Pino Capalbo, e coerentemente con quanto detto dai pubblici comizi sta tenendo fede al suo impegno vers ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 181  
Il potere della parola
Il potere della parola, la sua capacità di trasformazione e cambiamento.  Questo il motivo centrale del nuovo evento promosso dalla Fidapa Bpw sezione di Acri in programma il prossimo 8 ottobre alle o ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 821  
Opere pubbliche. I progetti terminati e quelli futuri
Il nostro compito, che poi dovrebbe essere quello di ogni testata giornalistica, è anche quello di stimolare il dibattito ed incalzare maggioranza ed opposizione. Perché non vogliamo ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 832  
Successo di partecipanti e di pubblico per l’autoraduno
Grande successo per il secondo autoraduno ad Acri organizzato da UnoturboclubItalia e TurbatiMotorSpor, domenica 2 ottobre. Si sono recate nella cittadina più di 100 auto turbo benzina ...
Leggi tutto

LIBRI  |  LETTO 209  
San Demetrio. Presentato il libro “Percorsi e momenti di storia locale e oltre”
Sabato 1 ottobre, presso la sala teatro del Collegio di Sant’Adriano, a San Demetrio Corone, è stato presentato il libro: “ PERCORSI E MOMENTI DI STORIA LOCALE E OLTRE – San Demetrio, ...
Leggi tutto