CRONACA Letto 3255  |    Stampa articolo

Scuola e molestie. Parlano le studentesse del liceo “Julia”. Il docente ci umiliava

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook


Quando è scoppiato lo scandalo, Acri in rete, in anteprima ed in esclusiva, aveva scoperto che il docente A.B., al centro di presunte molestie nei confronti di alcune studentesse di un liceo di Castrolibero, è stato in servizio anche presso il liceo “Julia” di Acri. Oggi il sito Fanpage.it riporta altre notizie inquietanti. Ex studentesse dello “Julia” accusano il docente.
"Mi sentivo impotente – racconta una ragazza – mi sentivo umiliata, mi guardava come fossi un oggetto, faceva battute a doppio senso, ad esempio io non ti sottovaluto, ti valuterei sotto".
Anche all'epoca le studentesse erano stanche di quelle continue vessazioni ma non avevano trovato il coraggio di denunciare. Poi ci fu una lettera anonima.
In una classe furono inviati dei commissari ma solo quando il docente aveva già smesso di insegnarvi. Nelle altre classi, invece, dove il docente prestava ancora servizio, i commissari non ci andarono mai.
"Poi – spiega un'altra ragazza che all'epoca frequentava il quarto anno di liceo – le cose si raffreddarono e la pausa estiva servì a mettere una pezza. Il professore a inizio anno era di nuovo lì. Ma senza prove fu tutto inutile.
Mi sono pentita di non aver denunciato quando c'erano i commissari
– dice l'ex alunna - ma eravamo piccoli, avevamo paura che denunciare avrebbe portato a conseguenze più grandi".
Dalle nuove testimonianze emerge un quadro scioccante.
"Quando sapevo che c'era lui in classe – dice una delle tre ragazze – avevo difficoltà nello scegliere i vestiti o le acconciature per andare a scuola".
Qualunque cosa diventava lo spunto per una battuta a sfondo sessuale, anche una treccia. "Un giorno mi ha chiamato alla lavagna e mi ha detto che ero "Porcahontas", parafrasando il titolo di un film d'animazione della Walt Disney.
La maglia a righe, invece, era la volgarissima scusa per affibbiarle l'appellativo di "ape maiala".
Così, ogni giorno, andare a scuola si trasformava in un incubo. E anche qui, come a Castrolibero, nessuno ha fatto mai niente per fermare il docente molesto, anche se tutti sapevano
.”
Accuse gravi. Sarebbe interessante ascoltare il dirigente scolastico di quel tempo, il vice preside ed i colleghi e sapere se vi sono stati o meno consigli d’istituto per affrontare la brutta faccenda che, di certo, non si ferma qui.

PUBBLICATO 15/03/2022 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

CRONACA  |  LETTO 2218  
Un anno fa la tragedia di Carnevale
Doveva essere un giorno di allegria, l’ultimo, trascorso con gli amici a..... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 574  
Il gruppo micologico ''sila greca'' vara un programma eccezionale
Dopo la pausa invernale il Gruppo Micologico Sila Greca riparte alla grande con un comitato direttivo che rivolge all’approvazione dell’imminente assemblea dei soci, un programma ricco di iniziative  ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 610  
Acri e la solidarieta’ senza latitudini
Le miglia percorse sono il segno di latitudini e di come sia vasta questa terra. Le miglia percorse non contano nulla, terra era, terra è ancora la stessa. Non esistono i confini, i perimetri sono ge ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 271  
Cosenza. Seconda edizione dell’ Amarcord calcistico fra squadre di prima categoria di tutta la provincia
Si concretizza l’Amarcord calcistico (2^ edizione) programmato dal Delegato della Commissione Cultura e Sport Mimmo Frammartino del Comune di Cosenza per l’ultima decade del mese di Maggio ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1609  
Ospedale, qualcosa si muove?
In attesa di conoscere i contenuti del nuovo atto aziendale, il Comitato "Uniti per.... ...
Leggi tutto