RELIGIONE Letto 239  |    Stampa articolo

Lezione di saggezza in foresta

Foto © Acri In Rete
Padre Leonardo Petrone
condividi su Facebook


Siamo abituati a vedere l’Africa come la grande  colonia che ha fornito braccia a poco prezzo per coltivare cotone e tabacco nelle americhe. Al sottoscritto ha fornito pratiche lezioni di saggezza: imparare a leggere gli avvenimenti quotidiani. Osservando e riflettendo si coglie lo stupore delle cose, ci si accorge che tutto è sorpresa e la vita è una scoperta continuata.
La vera saggezza è la capacità di leggere gli avvenimenti della vita scoprendone le forze che vi agiscono, e trarne gli insegnamenti utili a migliorare il proprio comportamento. Ecco una lezione molto pratica che viene dalla grande foresta Kongolese.
Un uomo uscì dalla sua hut (capanna) e si mise in cammino. Dopo un certo percorso vede sul bordo del sentiero una pietra che luccica. Gli sferra un potente calcio. La pietra finisce lontano. Appena tocca terra rifà la traiettoria e si riposiziona nello stesso posto. “Dio onnipotente, cosa significa questo”? La pietra gli risponde: “Questo è niente, cammina e vedrai”.
Riprende il cammino e poco dopo incontra una piccola gazzella colpita da 12 frecce, ma piena di vita saltella allegramente. “Dio onnipotente, ha 12 frecce in corpo e saltella”! E la gazzella: “questo è niente, cammina e vedrai”.
Ben presto incontra una capra morta per una sola freccia. “Dio onnipotente,…”. La solita voce: “questo è niente, cammina e vedrai”.
Arriva in un bel prato con tanta erba e acqua corrente. Nel prato vi pascola un bue molto deperito: pelle e ossa. “Dio onnipotente, tanta erba e tanta acqua ma il bue è proprio malandato”! “Questo è niente, va oltre e vedrai”!
Arriva in un deserto spoglio di tutto. Vi pascola un bue grasso e massiccio. “Dio onnipotente, ma come ? Con molta erba bue denutrito, qui senza erba bue molto florido” ! “Non stupirti per così poco, cammina e  vedrai”.
Arriva in un villaggio: i ragazzi giocano con un vecchio paziente e sorridente. “Dio onnipotente, un vecchio che gioca con ragazzi, veramente insolito”! “Siedi e osserva” dice il vecchio al viandante. I ragazzi finiscono di giocare: attingono acqua, cercano legna, accendono il fuoco, preparano la polenta. A cottura ultimata i ragazzi servono prima vecchio e viandante, poi si servono anche loro e consumano il cibo tra canti e scherzi.
A pranzo finito il vecchio si avvicina al viandante e spiega: “La pietra a cui hai dato il calcio rappresenta i giovani perditempo, vanno di qua e di là chiacchierando poi tornano a casa senza conclusioni utili. La gazzella che saltella rappresenta i bambini irrequieti, ignorano ancora i pericoli della vita. La capra morta rappresenta gli stranieri che senza sapere s’imbarcano e arrivano in foresta. Non conoscono i pericoli della foresta, cadono e finiscono, nessuno ha cura di loro. Il bue malnutrito rappresenta il fanfarone, racconta vanterie e fantasie, niente di serio lo interessa. Il bue grasso nel deserto rappresenta il giovane attivo e responsabile, non spreca tempo nella superficialità.
Io sono vecchio ma condivido la vita con i giovani, gioco con loro e all’occasione una buona parola per guidarli verso il bene. Tu continua il cammino, impara a possedere la saggezza, ed agire con prudenza. Non fare mai come la iena affamata che al primo rumore si lancia ed afferra un leone. Quando se ne rende conto non può mollarlo e fuggire, non ce la fa neppure ad ucciderlo. Farà la fine del pitone che ha ingoiato il porcospino. La vita è meravigliosa, viverla e mai sciuparla.
La natura è libro meraviglioso, insegna a vivere la vita meravigliosa.
Tieni questo libro sempre aperto e leggi, non saltare le pagine senza averle lette.
"

PUBBLICATO 22/11/2022 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

RELIGIONE  |  LETTO 164  
Maria 2022 (8 Dicembre)
Alcuni mesi fa Saman, bella ragazza Pakistana, piena di vita e di giovanili progetti nel cuore, è stata strangolata dalla famiglia in Italia perchè rifiuta di sposare il giovane scelto dalla famiglia. ...
Leggi tutto

JUGUEADU  |  LETTO 656  
E' tornato Jugueadu
Cari amici, inizia il primo capitolo della rubrica "E' tornato Jugueadu", l'occhio indiscreto sulla società contemporanea. ...
Leggi tutto

INTERVISTA  |  LETTO 416  
In Calabria condizioni di rischio diversificate
L’evento di dissesto geo-idrologico dello scorso 26 novembre a Casamicciola, sull’isola di Ischia, ha riportato bruscamente alla memoria di molti il disastro di Vibo Valentia del luglio 2006, o quelli ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3100  
Paolo Algieri ci ha lasciato...
Il caro Paolo se n’è andato in silenzio lasciandoci con la bocca amara; non lo incontrerò più nei pressi del cenacolo di Germinal, dove quasi sempre ci si incontrava desiderosi di scambiarci giudizi e ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 640  
Giornata della disabilità. Calcagni ha emozionato e strappato applausi
E’ stata un vero successo la celebrazione della prima "Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità" che si è tenuta sabato nella cornice di palazzo Sanseverino - Falcone, nel Comune di Acri. ...
Leggi tutto