CULTURA Letto 1116  |    Stampa articolo

Successo a Kyoto per la prima edizione del Festival sulla poesia Junpa con Dante Maffia

Foto © Acri In Rete
Gennaro De Cicco
condividi su Facebook


Con la partecipazione diretta alla Prima Edizione del Festival della Poesia Junpa a Kyoto, intestata alla sua figura, si è conclusa brillantemente l’esperienza giapponese del poeta / intellettuale calabrese Dante Maffia, molto apprezzato anche in terra nipponica. La manifestazione, tenutasi dal 21 al 23 gennaio, presso la Casa della Comunità Internazionale, iniziata in prima mattinata con i saluti del Presidente dell’Associazione JUNPA, Taeko Uemura e una dettagliata relazione di Francesco Perri su “Chi è Dante Maffia”, è proseguita con i premi consegnati ai poeti vincitori: Ikuyo Yoshimura, Taeko Uemura e Kyoka Nakazawa da parte dell’ intellettuale calabrese, destinatario della denominazione del Premio Lettterario. Nel pomeriggio, invece, avvincente recital di haiku, con vari poeti giapponesi (Myokei Inaba,Yoshikazu Takenischie e Mariko Sumikura). Lo stesso Dante Maffia, che ha avuto molti riconoscimenti per “aver saputo rinnovare l’anima, il cuore e il sangue di questa tradizione poetica, che in Giappone dura da secoli”, ha declamato dei versi “haiku” in italiano (17 sillabe scandite in tre versi di 5, 7, 5 ciascuna). Nel corso del Festival è stato ricordata la figura del fondatore e primo presidente dell’Associazione JUNPA, Osamu Arima. La serata è stata allietata da un concerto per flauto, chitarra e violino dei musicisti Kishimoto Taro e Yoko Kumazawa, che hanno eseguito anche musiche italiane e napoletane. La giornata successiva è stata caratterizzata da una serie di incontri istituzionali fra l’illustre ospite, il Sindaco di Kyoto, Kadokawa Daisaku e il Governatore, Nisciwaki Takatoshi. Momenti storici eccezionali, suggellati dalla consegna delle rispettive bandiere. Il Festival della Poesia, patrocinato anche dall’Istituto Italiano di Cultura, ha riscosso un’enorme attenzione e un grande interesse per il numero considerevole degli “haiku” del poeta Dante Maffia, scritti con eleganza e precisione, senza ripetizioni. E con animo aperto sia alle suggestioni dei padri degli “haiku” e sia al suo passato di studioso dell’Utopia, seguace di Tommaso Campanella ed estimatore della sua inimitabile opera: “La città del sole”. Non era facile riconoscere a uno straniero il primato di autore di haiku, cioè poesia giapponese per eccellenza. Eppure è accaduto. A suggerire ai giapponesi l’ istituzione di un Premio specifico al poeta italiano, denominato: “Premio Dante Maffia”, sicuramente i tantissimi “haiku” scritti dal poeta calabrese, oltre sedicimila, pubblicati in 30 volumi, tradotti in giapponese dalla poetessa Mariko Sumikura. Fra le fonti d’ipirazioni: Kyoto, la Calabria, Matera, situazioni particolari come la guerra, il covid, l’amore ecc. La risonanza dell’evento ha catturato anche la stampa, come testimonia l’articolo apparso sul quotidiano giapponese “Sankei Shimbun” di Kyoto. I successivi giorni di permanenza in Giappone per Dante Maffia e per il suo fidato collaboratore Francesco Perri sono stati caratterizzati dalla visita della città di Kyoto, del meraviglioso Tempio d’Oro, molto suggestivo anche per l’abbondante nevicata che si è abbattuto nella città.

PUBBLICATO 08/02/2023 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

CONCERTI  |  LETTO 499  
Il trombone di Athos Castellan: a colpi di coulisse!
Falcone di Acri, avrà luogo il concerto finale degli allievi della Masterclass di trombone del Maestro friulano Athos Castellan, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale. ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 868  
Spremuti
Ci avete fatto caso? Ogni volta che un politico viene pescato con le mani nella marmellata e viene arrestato, le dichiarazioni che leggiamo sono sempre le stesse: “Sono tranquillo. Ho fiducia nella ma ...
Leggi tutto

PERSONE  |  LETTO 528  
Nel libro “Il Cristo Giacobino” di Domenico A. Cassiano la spiccata figura del prof. Francesco Capalbo
Noi Calabresi siamo, in genere, ignoti a noi stessi; noi siamo i primi a disconoscere i pregi non comuni della terra nostra, noi siamo i primi ad ignorare le manifestazioni ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 889  
Tutti insieme si può
Nel mondo del calcio in generale ogni tanto emerge una storia che va al di là del semplice gioco. Una di queste storie è quella della squadra di Calcio a 5 "Citta di Acri". Un gruppo di ragazzi che è ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1928  
Adesso basta!
Cari acritani, permettetemi di dire “adesso basta, la misura è colma, come fate a sopportarlo ancora?” Quando ho letto questa notizia ho sentito un sussulto, forse la pressione o ...
Leggi tutto