OPINIONE Letto 880  |    Stampa articolo

L'armonia dei versi

Foto © Acri In Rete
Franco Bifano
condividi su Facebook


Angelo Canino, il mio amico poeta che conosco da una vita, probabilmente non finirà mai di stupirmi. L’altro giorno, dopo una fugace telefonata giusto per chiedermi dove fossi, me lo sono ritrovato davanti con in mano un pacco, come uno dei Re Magi arrivato inspiegabilmente in anticipo. Neanche il tempo di chiedere cosa contenesse che subito lo ha aperto facendomi dono del suo nuovo libro.
Quello che mi ritrovo nelle mani è il suo undicesimo libro, un’altra autentica perla. È uscito da pochi giorni eppure la poesia “Parrani i muri”, che dà il titolo al libro, è già stata premiata. Come tutti i poeti, non nasconde un animo sensibile che anzi rende manifesto proprio attraverso i suoi versi. Le sue poesie però hanno un fascino particolare perché portano il calore e la ricchezza della lingua dialettale.
A volte ho la sensazione che le stesse siano il palcoscenico di una sorta di teatro dialettale, nel quale il vero protagonista è il pubblico che viene prima  catturato dai ricordi, per poi sciogliersi  nelle emozioni. 
Angelo ha una connessione profonda con la nostra terra. Mi ricorda quelle sorgenti profonde dalle quali sgorga un’acqua limpidissima e fresca in tutte le stagioni, d’inverno come d’estate. Una fonte inesauribile di versi e di poesie.
Il custode di un patrimonio linguistico che rischia di andare perduto.  Di poesie, ad oggi, ne ha scritte oltre cinquecento. In casa conserva più di seicento cinquanta premi tra coppe targhe ed attestati che ha ricevuto da tutta la penisola e anche oltre.
I riconoscimenti che lo gratificano molto sono quelli alla carriera. Ne ha ricevuto sette in varie Regioni.
Anche se non lo lascia trasparire, il fatto di non aver avuto questo premio nella sua città è un motivo di rammarico.
Tuttavia, prima o poi, anche questo tassello dovrà essere incastonato per contribuire a riempire un mosaico straordinario fatto di talento, tenacia e passione.
P.S. Secondo Roberto CeratiSe un amico vi regala un libro è veramente un amico”. Il nuovo libro di poesie dialettali di Angelo potrebbe essere un apprezzato regalo di Natale. Pensateci.

PUBBLICATO 17/12/2023 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 476  
C'ero anch'io
Quando arrivo a Palazzo Sanseverino-Falcone il caffè letterario è già gremito. Poco male, avevo promesso comunque di esserci. Per acquistare il libro c’è da fare un po' di fila. Mi metto in coda e all ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 101  
Angelo Ventimiglia l'altra faccia della moneta
Nella splendida cornice del MACA _Museo Arte Contemporanea Acri si inaugurerà la personale dell’artista metamorfico Angelo Ventimiglia (nato a Castrovillari, Cs nel 1984). ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 1224  
Per Amerigo e Tonino
Voglio accompagnarli anch'io, con il mio saluto, nel loro ultimo viaggio. E mi piace farlo contemporaneamente perche' ritengo siano stati simili in tante cose. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 1812  
“La Calabria che vuoi”, un nuovo Progetto politico per una città migliore
Ci corre l'obbligo, per correttezza e prima ancora che per chiarezza verso tutti coloro che a vario titolo si stanno prodigando per la costruzione di un progetto politico di medio lungo termine ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 489  
Il M5S seconda forza politica in città
Ringrazio a nome di tutto il Gruppo Territoriale di Acri i cittadini, gli.... ...
Leggi tutto