POLITICA Letto 653  |    Stampa articolo

Acri: Alcuni amministratori difendono l'indifendibile

Foto © Acri In Rete
Emilio Turano
condividi su Facebook


"A volte bisogna fermarsi, riflettere, dispiacersi dei problemi altrui e chiedere scusa se è necessario."
Ho utilizzato queste parole nell'ultimo dibattito comunale del 2023.
Con la nota stampa di ieri 13/01/2024, a firma di assessore e un consigliere comunale di maggioranza del comune di Acri, si capisce chiaramente che si vuole difendere l'indifendibile riguardo l'interruzione stradale di Croce di Baffi (zona Bella tu sei La Mucone).
Addirittura, entrambi gli amministratori cercano di stigmatizzare il comportamento del consigliere comunale di minoranza, risultato primo eletto sul territorio Acrese, grazie alla fiducia di 436 cittadini.
E comunque, se quanto firmato dall’assessore corrisponde a realtà, è stato ottenuto il risultato di attivare l’attenzione sulla problematica.
Lo stesso consigliere di minoranza viene accusato di volersi intestare meriti altrui, nonostante in questi sette anni abbia operato sempre con la massima trasparenza; ogni risultato ottenuto è dimostrabile attraverso apposita documentazione.
Al contrario, invece, i nuovi, assessore e consigliere di maggioranza si intestano progetti e opere finanziate anche nella precedente consiliatura 2017/2022.
Bene avrebbero fatto entrambi a chiedere scusa ai cittadini della località interessata dalla interruzione stradale di Croce di Baffi, sia per la risposta riportata all'interrogazione del 12/01/2023 protocollo N. 953 che per le tante volte che è stata affermata l'esistenza di un progetto sul quale si aspettava risposta da enti sovracomunali.
Considerata la risposta evasiva, senza nessuna certezza in merito, come invece giustamente programmato per gli interventi di Cuta, Gioia e Ternita', l'amministrazione comunale dimostra la poca attenzione data all'interruzione stradale di Croce di Baffi verso Piano di Rango, considerato che l'ordinanza di chiusura persiste ormai da tredici mesi e non esiste una progettazione concreta in merito.
Alla luce di tutto ciò, evidentemente il consigliere comunale di minoranza continua a essere certo che esistono località e cittadini di serie A e di serie B.

PUBBLICATO 14/01/2024 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

OPINIONE  |  LETTO 332  
In memoriam di Vincenzo Rizzuto
Vincenzo Rizzuto, nato ad Acri nel 1940, lavorò nella bottega del padre armiere prima di conseguire la laurea in Filosofia e Storia all’Università di Bari nel 1968, con una tesi sull’Antihegelismo di ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 252  
Rifiuti: tra inquinamento e miseria culturale
Nel territorio di Acri, nonostante la comunità risulti essere virtuosa nella raccolta differenziata, il fenomeno di abbandono selvaggio dei rifiuti persiste nonostante i tentativi fatti per arginarlo. ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 5566  
Acri. Con due euro vince 3mila euro al mese per venti anni
La fortuna ha baciato un giocatore del punto vendita Sisal Market Tabacchi Bellino situato in Via Beato Giovanni XXIII, 79. Durante il concorso N° 1007 Win for Life Classico ha infatti ...
Leggi tutto

NEWS   |  LETTO 2249  
Ecco il nuovo Cda della Fondazione Padula tra conferme e new entry
Nei giorni scorsi è stato rinnovato il consiglio di amministrazione della Fondazione Padula. Presidente è il riconfermato Giuseppe Cristofaro, al suo 25° anno, vice è la new entry Carlo Fanelli, ...
Leggi tutto

SPORT  |  LETTO 723  
In testa alla classifica
Domani la squadra del  Città di Acri, ritorna a giocare sul  parquet del  nuovo PalaSport da capolista.  Aver conquistato il vertice delle classifica ha galvanizzato la squadra ed elettrizzato l’ambie ...
Leggi tutto