NEWS Letto 1974  |    Stampa articolo

Ospedale. Migliaia in piazza. Servira?

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
condividi su Facebook


La manifestazione, promossa dall’amministrazione comunale di centro sinistra destra, guidata dal Dem Capalbo, è andata bene cioè è stata molto partecipata. Complice la bella giornata, in piazza migliaia di persone; liberi cittadini, forze politiche, esclusa Fi, sindacati, associazioni, studenti con slogan, commercianti (molte le saracinesche abbassate fino a tarda mattinata), assessori, consiglieri comunali di maggioranza (non tutti) e alcuni sindaci del comprensorio compresi quelli appartenenti a Fi. Il corteo, riunitosi attorno alle 9 in piazza Sprovieri, ha percorso alcune vie del centro, passando anche dall’ospedale Beato Angelo per poi concludersi davanti al Municipio dove il primo cittadino ha preso la parola ed ha, in sostanza, ribadito concetti espressi nei giorni scorsi. “Il presidio sanitario, ha detto, deve essere tenuto in forte considerazione sia perché di area disagiata sia perché le perfomance annuali sono positive così come certificato dall’Agenas sia perché è punto di riferimento di un vasto territorio. Non comprendo, quindi, perché debba essere penalizzato rispetto ad altri che si trovano a pochi chilometri da ospedali spoke. Ho sempre preferito l’interlocuzione alla piazza ma oggi occorre difendere la comunità che rappresento, ringrazio chi è sceso in piazza e mi dispiace che Fi non è accanto a noi. Invito il Presidente Commissario Occhiuto a visitare il Beato Angelo così si renderà conto della struttura e della strumentazione presente che dovrà essere messa in funzione così come mi auguro che Regione e Asp provvedano al più presto ad individuare le figure mediche che dovranno sostituire chi andrà in quiescenza.” Infine la stoccata politica a Fi; “questa iniziativa non è assolutamente legata a propaganda elettorale, l’ospedale è di tutti e Fi ha sbagliato a non scendere in piazza tuttavia se Occhiuto riuscirà a potenziare il Beato Angelo sarò il primo a dirgli grazie.” Per il presidio sanitario, si ricorda, l’ultimo Decreto prevede 20 posti di medicina, 15 di emodialisi, 6 di day surgery ovvero per interventi chirurgici programmati e di lieve entità. Nessuna novità, invece, per piattaforme di eliambulanza, ambulatori, tac, personale e risonanza. Insomma, la manifestazione è stata molto partecipata, Occhiuto e Asp se ne renderanno conto. Basterà per salvare il Beato Angelo o serviranno viaggi alla Cittadella? Foto tratte da facebook

PUBBLICATO 04/04/2024 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 312  
Questione ospedale, dietrofront dell’Amministrazione?
L’esito dell’ultima seduta della commissione sanità allargata non è stato positivo. Si è avuta la percezione di... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 515  
Il presidente di Sinistra Italiana Nichi Vendola ad Acri
Nichi Vendola, presidente di Sinistra Italiana è stato in Calabria due giorni per parlare... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 286  
Primo Festival nazionale del dialogo filosofico, fra i partecipanti due Istituti calabresi
Portare il dialogo filosofico all’attenzione di tutto il territorio nazionale, partendo dalla scuola dell’infanzia.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 739  
Il Lions Club Acri mette in scena la seconda edizione del Processo Simulato
Il Lions Club Acri sotto la guida del Presidente Avv. Raffaela Bruno, ha voluto, nella “Settimana della Legalità Lions” mettere in scena la II^ edizione "UN PROCESSO SIMULATO ...
Leggi tutto

LETTERE ALLA REDAZIONE  |  LETTO 1208  
La “buona sanità” della chirurgia Falcone
Da una nostra lettrice, riceviamo e pubblichiamo. Sono ormai ben noti lo spessore professionale e le doti umane di Bruno Nardo, professore universitario, luminare della chirurgia ma ...
Leggi tutto