POLITICA Letto 1311  |    Stampa articolo

Corruzione elettorale. "Archiviata una vicenda assurda. Anime nere hanno cercato di delegittimarmi politicamente e colpirmi sul personale"

Foto © Acri In Rete
Redazione
condividi su Facebook


Il sindaco Pino Capalbo e il suo legale Mattia Caruso hanno convocato i giornalisti nella sala giunta del Municipio.
La conferenza stampa, alla fine rivelatasi un incontro aperto a tutti, semplici cittadini, candidati, consiglieri comunali, assessori, simpatizzanti, è servita per comunicare il Decreto di archiviazione riguardo la vicenda giudiziaria del 2020. Secondo l’accusa della Procura di Paola (in seguito se ne occupò quella di Cosenza), Capalbo avrebbe procacciato voti per il candidato al consiglio regionale, Aieta, in cambio di un posto nella sua struttura.
L’avv. Caruso ha illustrato i contenuti del Decreto di archiviazione; “il nostro lavoro viene reso più facile quando si assistono persone per bene come Capalbo che, come emerge dai documenti, non ha commesso nessuna azione illecita.
La Procura di Cosenza ha visto bene, Capalbo ha fatto campagna elettorale per Aieta, in virtù di un forte rapporto personale e politico, e basandosi solo sul consenso personale senza condizionare altri elettori, e come testimonia il lavoro prodotto, aveva già fatto parte della struttura regionale di Aieta stesso
Capalbo, visibilmente teso e commosso ma pacato e lucido, ha ringraziato chi gli è stato vicino ovvero i familiari, i cittadini che lo hanno votato nel 2022, i partiti e la sua maggioranza di centro sinistra.
Ho sofferto in silenzio ma ero certo della estraneità alle accuse, ho subito una gogna mediatica durante la campagna elettorale del 2022 soprattutto da anime nere collocate a sostegno del candidato Zanfini e dalle quali quest’ultimo ed altri avrebbero dovuto prendere le distanze.
Si trattava solo di un avviso di garanzia ma più di uno ha strumentalizzato la vicenda per delegittimarmi e demolirmi politicamente e colpirmi sul personale.
Oggi in molti dovrebbero chiedermi scusa
.”
Ed ancora; “I cittadini hanno capito che io avevo operato nel giusto e hanno inteso rivotarmi per la seconda volta consecutiva.
Un pensiero va all’amico Aieta, che ho votato e rivoterei, una persona corretta che si è sempre battuta per la legalità soprattutto nella sua Cetraro ed è sempre stato vicono anche ad Acri
.”
Non sono mancate accuse alla stampa e sulle procure ha affermato; ho sempre rispettato la procura inquirente e confidato nella giustizia giudicante.”
Infine; “la mia onestà e il rispetto delle regole sono stati certificati dall’autorità giudiziaria”.


PUBBLICATO 15/04/2024 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 283  
Questione ospedale, dietrofront dell’Amministrazione?
L’esito dell’ultima seduta della commissione sanità allargata non è stato positivo. Si è avuta la percezione di... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 503  
Il presidente di Sinistra Italiana Nichi Vendola ad Acri
Nichi Vendola, presidente di Sinistra Italiana è stato in Calabria due giorni per parlare... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 284  
Primo Festival nazionale del dialogo filosofico, fra i partecipanti due Istituti calabresi
Portare il dialogo filosofico all’attenzione di tutto il territorio nazionale, partendo dalla scuola dell’infanzia.... ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 739  
Il Lions Club Acri mette in scena la seconda edizione del Processo Simulato
Il Lions Club Acri sotto la guida del Presidente Avv. Raffaela Bruno, ha voluto, nella “Settimana della Legalità Lions” mettere in scena la II^ edizione "UN PROCESSO SIMULATO ...
Leggi tutto

LETTERE ALLA REDAZIONE  |  LETTO 1205  
La “buona sanità” della chirurgia Falcone
Da una nostra lettrice, riceviamo e pubblichiamo. Sono ormai ben noti lo spessore professionale e le doti umane di Bruno Nardo, professore universitario, luminare della chirurgia ma ...
Leggi tutto