OPINIONE Letto 8398  |    Stampa articolo

Scusate se non piango

Foto © Acri In Rete
Leonardo Marra
Scusate se non piango, ma la notizia delle dimissioni della giunta comunale mi procura, al contrario, un certo sollievo. Se non altro è finita una delle parentesi più buie per la nostra comunità. Non so cosa ci riserverà il futuro, né se il prossimo turno elettorale porterà un cambiamento (ne dubito), ma almeno spero sia chiaro, dopo questa amministrazione, che politici non ci si improvvisa.
Da oggi immagino la corsa al cambio di casacca. I soliti noti che, pur di restare a galla, cominceranno ad intrallazzare, si spenderanno in sorrisi, strette di mano, rassicurazioni, consumazioni offerte al bar, discussioni nelle quali daranno sempre ragione pur di raggranellare qualche voto.
Altri, sapendo di poter contare sui voti della propria “tribù” per continuare a scorrazzare, a dimenarsi come ossessi nei consigli comunali, infischiandosene di parole come “democrazia” e “bene comune”, mostreranno strafottenza e tracotanza pur di rassicurare il proprio ego sulla capacità di riuscire a prendere tutti per il culo ancora una volta.
Non piango perché le lacrime le ho versate durante questi anni nei quali ho sperato di uscire dalla melma ed invece, dopo tanti sacrifici, mi sono ritrovato nella merda. Avevo sperato in chi di mestiere gestisce conti tutti i giorni, immaginando che potesse farne due anche per tutti noi, portandoci fuori dal baratro nel quale stavamo cadendo. Mio malgrado avevo riposto fiducia in chi era stato portato sullo scranno di sindaco dalla maggioranza degli elettori, i quali lo avevano scelto come guida seguendo, come sempre, i proclami, le parole, che già allora avevano il sapore di stantio, urlate a tarda notte nei comizi elettorali; con quelle cantilene, quasi da lavaggio del cervello, ripetute fino all’ossessione.
Ho letto su queste pagine la lettera dell’ex sindaco (clissa qui) e, francamente, non ho potuto fare a meno di sorridere (ormai non si piange più) scorrendo quelle righe scritte in tono accorato, rassegnato a sottostare alla volontà di un consiglio comunale ed una cittadinanza che non ha saputo comprendere i suoi sforzi per cambiare la città.
Già i suoi sforzi… ma quali? Quelli che negli ultimi tempi e soprattutto negli ultimi giorni avevano sfiorato la deriva autoritaria? (Vedi “affaire” sulla registrazione del consiglio comunale.)
Sapete, qualche decennio fa gli statisti, e non solo, facevano a gara per lasciare ai posteri opere utili che sarebbero state apprezzate e che avrebbero dato modo, ai loro esecutori, di essere ricordati a lungo.
Ai nostri giorni ogni personaggio che passa dalle poltrone comunali si ricorderà per le opere incompiute o per i monumenti all’inutilità che sono costati centinaia di migliaia di euro ai cittadini. Ad Acri, probabilmente, vantiamo il primato di queste opere in rapporto alla popolazione.
All’appello mancava una pista ciclabile della quale pochi sentivano il bisogno.
Ci ha pensato l’amministrazione uscente, sradicando alberi e annientando uno stupendo viale alberato ora ridotto ad una banale strada cittadina, ristretta così tanto che è persino impossibile parcheggiare; il tutto per qualche metro di “doppia” pista che, è facile presumere, non sarà mai utilizzata da nessuno. Però magari, ora che hanno tempo, gli ex amministratori potrebbero utilizzarla per riflettere, tra una pedalata ed un’altra, sui danni che hanno provocato alla città.
Il mio rimpianto è di non aver fatto un gesto eclatante tipo legarmi ad uno di quegli alberi cercando di salvare loro e quel poco di dignità che restava al popolo acrese. Non ho avuto il coraggio di farlo e me ne vergogno, ma, immagino, non sarebbe cambiato nulla.
Troppi interessi al di sopra del popolo. Già…, perché il popolo è “sovrano” solo all’occorrenza, per il resto del tempo vale meno di un rotolo di “scottex”.
Adesso consiglieri e giunta evocano la storia ed i suoi ricorsi per dare del traditore a chi ha avuto il coraggio (qualunque sia il motivo) di staccare la spina ad un governo (esso sì traditore), che, ignorando la voce degli stessi cittadini che lo avevano eletto, ha continuato a fare e disfare la città a proprio piacimento.
Cari ex-amministratori, fate un favore a noi e a voi stessi: abbiate il pudore di non ricandidarvi, tornate a fare quello che, probabilmente, sapete fare meglio, lasciate perdere la politica dove avete dimostrato benissimo i vostri limiti.
Cari concittadini acresi, sono d’accordo con chi vi esorta a guardare chi sono i traditori, ma in questo marasma c’è solo da sperare che Dio ce la mandi buona.

PUBBLICATO 06/02/2017





Ultime Notizie

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 828  
Varrise: la verità dei fatti!!!
In merito alla situazione rifiuti su Parco Varrise preme, l’obbligo di precisare ancora una volta, che l’amministrazione opera ed interviene sistematicamente sia con la pulizia Ordinaria, sia con cont ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 520  
S-cambiare gli occhi per la coda
…Una volta una talpa si lamentò con Dio, perché l’aveva creata senza coda, ella disse: “come sono sfortunata, con un corpo così grazioso, un musino così carino, una pelle così vellutata, delle zampe t ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 233  
Se non ora quando: Acri, il Sud tra scomparsa e possibile rinascita
“Cerco un centro di gravità permanente…” cantava Battiato, in una dei suoi brani di maggiore successo, ancora oggi attualissimo, sia per l’efficacia musicale che per l’attualità del testo. ...
Leggi tutto

FOCUS  |  LETTO 688  
Focus. Acroneo, il vino come si produceva nell'epoca romana
Abbiamo incontrato Gabriele Bafaro che, dopo la laurea, ha deciso di ritornare nella sua Serricella per realizzare, non senza difficoltà, un progetto ambizioso ed unico in Calabria che racchiude arche ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 712  
Cultura. Finanziati dalla regione quattro progetti
Nell’ambito dei Pac 2014/2020, avviso pubblico per la selezione e il finanziamento di interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali e per la qualificazione e il rafforzamento ...
Leggi tutto