OPINIONE Letto 4049  |    Stampa articolo

Il fallimento dell’umanità

Foto © Acri In Rete
Franco Bifano
Per molto tempo ho creduto che lo sterminio sistematico degli ebrei, avvenuto nei campi di concentramento nazisti durante la seconda guerra mondiale, era stato possibile perché i mezzi d’informazione dell’epoca erano poca cosa, oppure perchè le notizie - quando arrivavano - erano quasi sempre “drogate” dalla  propaganda, o   ritenute di dubbia attendibilità perché  erano, inevitabilmente, troppo spesso basate sul “sentito dire”.
Ero convinto che se le persone avessero avuto consapevolezza di quanto accadeva, se solo  avessero avuto la possibilità  di vedere attraverso incisivi servizi televisivi lo strazio  di donne e bambini fatti entrare in finte docce  per essere “gassati” e “passati per un camino” per poi finire nel vento  (come cantava Guccini) il mondo non sarebbe rimasto inerte. Avrebbe di certo reagito e, quindi, non solo la guerra avrebbe avuto un altro corso, ma sarebbe certamente durata anche molto di meno.
Povero ingenuo! E’ da un po’ che ho cambiato idea.
Già, ho cambiato idea da quando ho incominciato a capire - e non avrei voluto mai farlo -  che neanche l’informazione più capillare, le immagini più cruente smuovono le coscienze.
Certo, come per ogni cosa, esistono le eccezioni, come ad esempio la straziante l’immagine di Aylan, il  bambino morto sulla spiaggia turca. In quella tristissima circostanza, qualcosa si mosse. Tuttavia, resto convinto che nonostante il dolore intenso di quel momento abbia pervaso tutti, in pochissimi hanno mai avuto realmente la  consapevolezza che insieme a qual bambino morto sulla quella  spiaggia vi fosse distesa anche l’umanità  agonizzante.  Anche perché l’impetuoso vento dell’indignazione, che sembrava aver pervaso tutti, ha invece attraversato le nostre coscienze come il vento del deserto quando, sembra aver sollevato  una tempesta di sabbia,  che invece alla fine si rivela  soltanto un grosso polverone destinato ben presto  a diradarsi.
Faccio fatica a comprendere come sia possibile che, sull’altare di labili quanto provvisori equilibri geopolitici, venga tollerato  qualsiasi genere di orrore e consentite continue e ignobili  stragi di bambini,  come quella compiuta qualche  giorno fa in Siria. Com’è possibile che  il mondo non si vergogni e i popoli non sentano l’esigenza di  opporsi?
Ho ancora indelebile negli occhi l’immagine e nella mente le parole di un’altra  bambina che, ferita a morte dopo un bombardamento, trovava la forza di sussurrare “racconterò a Dio quello che mi hanno fatto”. Quest’affermazione che è un insieme di disperazione e di speranza sancisce e certifica il fallimento dell’umanità.
Forse un giorno, quando Dio stesso verrà a giudicarci, si circonderà di questi bambini e ci chiederà conto, davanti a loro, della nostra inerzia e di quanto  abbiamo fatto. Non illudiamoci, per quanto sia infinita la misericordia non sarà abbastanza per  sperare di essere perdonati.

PUBBLICATO 08/04/2017





Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 317  
Allarme Sorical. Autunno ed inverno a rischio carenza idrica? C’è anche Acri
Dopo la questione rifiuti, un’altra criticità potrebbe abbattersi sulla Calabria; la carenza idrica.... ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 225  
Amianto. nuova proroga al bando per il censimento e la bonifica degli edifici pubblici
Con istanza del 17 maggio scorso l’ONA Cosenza e l’ONA Reggio Calabria si erano fatti promotori.... ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 456  
Danilo Guido meets Leon Pantarei
Ho ascoltato questo capolavoro di bellezza ritmica e melodica lontano da casa e lontano... ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 983  
Effetti possibili del coronavirus?
Contrariamente a tutte le chiacchiere che si fanno da parte di tanta stampa in questi mesi, io credo che l’uomo dopo la pandemia non diventerà affatto ‘più buono, più comprensivo ...
Leggi tutto

Comunicato stampa  |  LETTO 448  
La scuola non si è fermata, la musica non si è fermata
I nostri ragazzi, privati anche delle attività fondamentali di fare musica d'insieme e di partecipare ai vari concorsi per solisti e/o per formazioni orchestrali, hanno avuto ...
Leggi tutto