POLITICA Letto 5386  |    Stampa articolo

Verso le elezioni. Bonacci: “vivo per la politica e non con la politica, rinunceremo alle indennita’”

Foto © Acri In Rete
Roberto Saporito
condividi su Facebook
Vivo per la politica e non con la politica.” Un concetto che Mario Bonacci, candidato a sindaco a capo delle due liste civiche, Noi Acri e Democratici per la legalità, ripete spesso nel corso del suo intervento in occasione dell’apertura della campagna elettorale. Il freddo, l’orario insolito (21) ed il giorno (sabato) non allontana curiosi e simpatizzanti da piazza Matteotti.
Bonacci parla per circa mezz’ora, non insulta gli avversari, come è nel suo stile, e accenna alle cose che vorrebbe fare da sindaco.
Ma prima puntualizza: “io faccio altro nella vita (è docente, ndr), non devo campare con la politica, mi metto al servizio della città per cercare di risolvere le tante questioni. Io vecchio e superato? Se il passato è fatto da uomini onesti e trasparenti, ben vengano i vecchi.”
Poi con orgoglio dice: “nel periodo 2005/2010, quando ho ricoperto il ruolo di assessore nella giunta Coschignano, sono riuscito a diminuire i debiti senza aumento delle tariffe.”
Ed aggiunge: “ci sono tutte le condizioni perché la città possa risollevarsi, il territorio offre tanto e bisogna puntare sul turismo e sul piano strutturale comunale che rappresenta il volano per lo sviluppo socio ed economico di una comunità.”
Ed ancora : “è giunto il momento di ripopolare la città, dare ossigeno alle imprese ripensando all’area Pip Gasta e partecipando ai bandi nazionali che prevedono il finanziamento di grandi opere come un supercarcere rifiutato, erroneamente, negli anni ’80, occorre monitorare il territorio per verificare se vi siano o meno collegamenti con gravi patologie, pensare al sociale, ai giovani.
Per risanare le casse comunali, Bonacci ha le idee chiare: “io e gli assessori rinunceremo alle indennità, poi bisogna pensare alle fonti energetiche rinnovabili, rideterminare la pianta organica del Comune, intercettare fondi europei, annullare la delibera per la riscossione esterna dei tributi.”
Su ospedale e viabilità, glissa ma precisa: “temi vecchi, la gente è stufa delle promesse.”

PUBBLICATO 21/05/2017 | © Riproduzione Riservata





Ultime Notizie

FOCUS  |  LETTO 133  
Focus. Verso il referendum
Domenica e lunedì prossimi gli italiani saranno chiamati ad esprimersi sul referendum confermativo sul taglio dei parlamentari. Cosa accade se vince il sì e se vince il no, quali conseguenze per la C ...
Leggi tutto

RELIGIONE  |  LETTO 191  
Estate: trionfo della natura
C’è chi chiama la natura “Mistero” perché ci invia in continuazione tutte le sensazioni di cui abbiamo bisogno: la luce, il vento, i sapori, i colori, i profumi. ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 296  
Picitti Stories, martedì la presentazione del nuovo progetto
Martedì 22 settembre Palazzo Sprovieri aprirà le sue porte per ospitare la conferenza stampa di presentazione di "Picitti Stories - Tempo Futuro", il progetto di teatro e comunità curato dall'associaz ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 898  
Galleria 660, gli ultimi lavori sono realizzati da una ditta acrese
Della galleria 660 (così come della Sibari-Sila) ce ne siamo occupati spesso, facendo emergere... ...
Leggi tutto

STORIA  |  LETTO 361  
Acri, rione Castello: murales per riflettere sulla storia d’Italia
Nel rione Castello altri artisti hanno completato o stanno completando murales che stimolano riflessioni sui fatti storici che portarono all’Unità d’Italia. In questa elaborazione artistica ...
Leggi tutto