Opinione Letto 2027  |    Stampa articolo

Il purgatorio: strada per il paradiso o per l'inferno?

Flavio Sposato
Foto © Acri In Rete
Ci aspettavamo che l'intervento del consigliere Barone sul PRU di piazza Purgatorio suscitasse reazioni e dibattito, pensavamo che esso fosse -e volesse essere- un sasso lanciato nello stagno, per provocare movimento nelle acque stagnanti; ci sembra invece che esso sia finito nella palude, ingoiato e fagocitato senza alcun movimento e senza lasciare alcun segno tangibile, non è così che dovrebbero andare le cose.
Il Pru di piazza Purgatorio, con intervento su di essa di soli privati, è stato pensato dalla giunta Rocco nel lontano 1998, portato avanti ed approvato dalla giunta Tenuta, ora ulteriormente portato avanti (dopo un fallito tentativo di toglierlo con una nuova perimetrazione) dalla giunta Coschignano; in questi otto anni qualcuno ha mai pensato di aprire sull'argomento un pubblico dibattito e di coinvolgere tecnici e cittadini per vedere cosa essi ne pensassero? Non ci sembra.
A nostro avviso errore d'origine ci fu nella vicenda e fu quello di inserire il Purgatorio tra le aree ad intervento privato, errore ci fu nell'approvazione della proposta del privato, errore ci sarebbe ora nel realizzare un intervento eccessivamente invasivo e di scarsa o addirittura nulla utilità per la collettività.
L'ideale sarebbe stato prevedere su piazza Purgatorio solo intervento pubblico, ma è inutile piangere sul latte versato, ora bisogna cercare la quadratura del cerchio, cosa difficile ma non impossibile: conciliare l'interesse del privato con quello pubblico.
Serve moderazione e ragionevolezza, serve che ciascuno si assuma le sue responsabilità, anche l'attuale opposizione consiliare che ha approvato una proposta troppo invasiva e di scarsa utilità per la collettività, serve un intervento leggero che realizzando una volumetria accettabile e non eccessiva lasci a piazza la maggiore area possibile, serve un progetto urbanisticamente ed architettonicamente valido (e quello originario lo era) ma condiviso, serve un intervento nel quale il pubblico - proprietario dell'area di maggior valore di tutto il centro urbano - abbia il giusto ritorno economico e sociale, serve che a dettare le scelte sia l'interesse sociale collettivo prima che quello economico anche se pubblico.

PUBBLICATO 31/10/2006

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Comunicato Stampa  |  LETTO 2094  
Comunicato Stampa Udeur.
Un Partito, quello dei Popolari Udeur, che è all'interno dell'Unione in particolare per l'attuazione del programma di governo, ed il suo ruolo e quello di recepire le molteplici istanze che arrivano ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2533  
3 Gennaio: omaggio a Giorgio Gaber.
Il 3 gennaio prossimo, a quattro anni dalla sua morte, Acri organizza un tributo a Giorgio Gaber.
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2075  
SS660, la Conferenza dei Servizi approva il progetto.
Il nuovo tracciato permetterà anche di rimuovere la spada di Damocle di una eventuale chiusura dell'arteria dovuta al peggioramento delle condizioni idrogeologiche della zona interessata dalla frana ...
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2000  
L’udc ha perso l’ultima occasione!
La verità è che chi si vede portar via il piatto da sotto il naso, se non ha forte spirito collettivo, si lascia facilmente andare al tanto peggio tanto meglio! Questo hanno deciso i consiglieri UDC ...
Leggi tutto

Foto Notizia  |  LETTO 2403  
Concerto di Natale.
Una piccola carrelata di foto del Concerto di Natale, tenutosi, a cura dell'Associazione Culturale Coro Polifonico San Giuseppe, nella Basilica del Beato Angelo il 25 dicembre.
Leggi tutto