News Letto 2568  |    Stampa articolo

3 Gennaio: omaggio a Giorgio Gaber.

Eugenio Alfano
Foto © Acri In Rete
Il 3 gennaio prossimo, a quattro anni dalla sua morte, Acri organizza un tributo a Giorgio Gaber.
Gaber è stato uno dei maggiori artisti ed intellettuali nel panorama italiano della seconda metà del Novecento. Fondatore del Teatro-Canzone, insieme a Sandro Luporini – coautore di tutti i testi del TC - , ha analizzato e descritto con onestà intellettuale la società italiana degli ultimi 30 anni.
A cantare le canzoni di Giorgio Gaber, alle ore 21:00 presso il Cinema S. Domenico (ingresso gratuito), è Giulio D’Agnello.
L’artista si cimenterà nei brani più famosi di Gaber e Luporini, tra i quali “Lo shampoo”, “La libertà”, “Far finta di essere sani”, “Il dilemma”.
Presenterà inoltre alcune delle nuove canzoni scritte da Sandro Luporini e che usciranno a breve sul mercato discografico: “Forse un uomo”, “Il testimone”, “La pazzia”.
Quando Giorgio è mancato, per due anni non ho preso in mano la penna. Ero proprio convinto che non avrei scritto più. Poi però ho ricominciato con un lavoro di Teatro Canzone con Patrizia Pasqui e l'attore Mario Spallino, Il dottor Céline. E ho convinto il cantante Giulio D'Agnello a passare dai tributi a Gaber a cose inedite scritte con me” (S. Luporini).
Alle ore 17:00, sempre al Cinema S. Domenico, verranno proiettati filmati di Giorgio Gaber e si discuterà con Gian Luigi Ago (conoscitore della vita e delle opere dell’artista) di alcune delle tematiche fondamentali presenti in tutto il percorso del Teatro-Canzone: la disgregazione dell’essere, diviso tra un Io materiale e uno spirituale (proiezione di “Un’idea”, “Quello che perde i pezzi”), che si proietta anche sul rapporto di coppia e sulla sessualità (“Il Signor G e l’amore”); l’appartenenza a valori veri e sinceri e “non compromessi con ogni compromesso” (“Qualcuno era comunista”); la critica alla democrazia e alla libertà “obbligatoria” (“L’America”, “L’elezioni”); il mercato “che avanza più che mai” trasformando un gruppo di individui, di singoli individui in massa (“Il pelo”, “La massa”).
Al termine verrà proiettato il video di “Io non mi sento italiano”, brano che dà il titolo al suo ultimo album, uscito postumo.


PUBBLICATO 28/12/2006

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Comunicato Stampa  |  LETTO 2126  
Comunicato Stampa Udeur.
Un Partito, quello dei Popolari Udeur, che è all'interno dell'Unione in particolare per l'attuazione del programma di governo, ed il suo ruolo e quello di recepire le molteplici istanze che arrivano ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2567  
3 Gennaio: omaggio a Giorgio Gaber.
Il 3 gennaio prossimo, a quattro anni dalla sua morte, Acri organizza un tributo a Giorgio Gaber.
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2109  
SS660, la Conferenza dei Servizi approva il progetto.
Il nuovo tracciato permetterà anche di rimuovere la spada di Damocle di una eventuale chiusura dell'arteria dovuta al peggioramento delle condizioni idrogeologiche della zona interessata dalla frana ...
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2033  
L’udc ha perso l’ultima occasione!
La verità è che chi si vede portar via il piatto da sotto il naso, se non ha forte spirito collettivo, si lascia facilmente andare al tanto peggio tanto meglio! Questo hanno deciso i consiglieri UDC ...
Leggi tutto

Foto Notizia  |  LETTO 2443  
Concerto di Natale.
Una piccola carrelata di foto del Concerto di Natale, tenutosi, a cura dell'Associazione Culturale Coro Polifonico San Giuseppe, nella Basilica del Beato Angelo il 25 dicembre.
Leggi tutto