News Letto 2222  |    Stampa articolo

"Fantasie e realtà" la nuova raccolta di rime in vernacolo acrese di Luigi Ginese.

Cinzia Gencarelli
Foto © Acri In Rete
È stato presentato nei giorni scorsi, l'ultimo lavoro letterario di Ginese, nella suggestiva cornice della sala convegni della comunità montana Destra Crati.
Rispetto alla sua prima raccolta "I ricordi di una vita", presentato al pubblico ben sette anni fa, la quale raccoglie versi che narrano di fatti successi, di battute di caccia e di cari ricordi del poeta, avvenuti durante la sua vita; nel suo nuovo lavoro letterario, Ginese, parla di vecchie usanze e dei modi di vita della gente di un tempo, nelle campagne ed in paese, descritte scrupolosamente racchiudendoli in composizioni poetiche in dialetto acrese.
Quarantatre poesie, alcune scritte tra il '71 ed il '73 quando l'autore si trovava per lavoro a Terranova Bracciolini, che parlano della sua città Acri, della contrada Gioia dove è cresciuto con la sua famiglia, dello stare bene in compagnia, della natura, del Beato Angelo d'Acri, dei sentimenti e del rito dell'uccisione del maiale.
Ginese nato e cresciuto nella sua adorata contrada Gioia, da una famiglia modesta dedita ai lavori di campagna, da anni coltiva la passione per la composizione in versi di satire e poesie in dialetto acrese, tramandando alle nuove generazioni il valore del dialetto, difendendo l'importanza delle espressioni letterarie e culturali dialettali che oggi, purtroppo vanno scomparendo.
Ad introdurre la presentazione del libro Irene Reda, nota nel centro presilano, quale artefice delle serate di poesie che da qualche mese si tengono in città, ed a seguire poi gli interventi del prof. Salvatore Servino, nipote dell'autore, del prof. Giuseppe Fiamma e dello storico nonché direttore del periodico locale Confronto, Giuseppe Abbruzzo.
La serata allietata dalla melodica musica eseguita dal quartetto "J. Françaix" composto dai maestri Claudia Pochini (flauto), Manuel Reale (oboe), Giampiero Ginese (clarinetto) e Lucino Grosso (fagotto), i quali hanno eseguito musiche di J. Francaix, E. Bozza, A. Piazzola e J. Ibert, e dalla lettura di alcuni versi di Ginese, ha riscaldato gli animi ed i cuori dei tanti presenti, amici, parenti, i quali hanno voluto condividere insieme al poeta questa sua nuova fatica letteraria.
Luigi Ginese
, affettuosamente ha voluto poi ringraziare i presenti in versi concludendo con una poesia dedicata a Irene Reda.

PUBBLICATO 9/11/2006

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

Comunicato Stampa  |  LETTO 2091  
Comunicato Stampa Udeur.
Un Partito, quello dei Popolari Udeur, che è all'interno dell'Unione in particolare per l'attuazione del programma di governo, ed il suo ruolo e quello di recepire le molteplici istanze che arrivano ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2529  
3 Gennaio: omaggio a Giorgio Gaber.
Il 3 gennaio prossimo, a quattro anni dalla sua morte, Acri organizza un tributo a Giorgio Gaber.
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 2069  
SS660, la Conferenza dei Servizi approva il progetto.
Il nuovo tracciato permetterà anche di rimuovere la spada di Damocle di una eventuale chiusura dell'arteria dovuta al peggioramento delle condizioni idrogeologiche della zona interessata dalla frana ...
Leggi tutto

Comunicato Stampa  |  LETTO 1998  
L’udc ha perso l’ultima occasione!
La verità è che chi si vede portar via il piatto da sotto il naso, se non ha forte spirito collettivo, si lascia facilmente andare al tanto peggio tanto meglio! Questo hanno deciso i consiglieri UDC ...
Leggi tutto

Foto Notizia  |  LETTO 2400  
Concerto di Natale.
Una piccola carrelata di foto del Concerto di Natale, tenutosi, a cura dell'Associazione Culturale Coro Polifonico San Giuseppe, nella Basilica del Beato Angelo il 25 dicembre.
Leggi tutto