News Letto 2010  |    Stampa articolo

Rifiuti, ora arrivano anche le bollette del 2007.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Nei giorni scorsi i cittadini acresi si sono visti recapitare dall'Ufficio Tributi del Comune la bolletta relativa alla tassa provinciale per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani.
E questa, tutto sommato, non è una notizia.
Lo diventa se si pensa che il contribuente, spremuto come un limone da una imposizione fiscale ormai insopportabile e da pressoché giornalieri aumenti da capogiro, aveva ricevuto una bolletta con lo stesso importo da pagare e per la stessa tassa solo tre mesi fa, cioè a fine novembre.
La reazione istintiva è quella di chi pensa a un errore della pubblica amministrazione e che quella bolletta fosse già stata pagata.
A un esame più attento ci si accorge invece che quella bolletta è da pagare, poiché si riferisce non già al 2006, come era avvenuto per quella di novembre, ma al 2007.
E qui il Comune potrebbe obiettare che si paga, tutto sommato, per il consumo dell'anno precedente.
Ed è un ragionamento valido solo in parte e solo sulla carta.
Infatti chi, e sono molti, soprattutto i pensionati, decide di non corrispondere subito l'intero importo, ma di rateizzarlo, realizza che fino al 31 maggio prossimo dovrà versare una quota fissa ogni mese, perché nel frattempo ci sono ancora le rate dello scorso novembre da pagare, per poi continuare con un solo importo, quindi ogni due mesi, fino a fine agosto.
Soprattutto le fasce economicamente più deboli della società, che negli ultimi anni si sono ingrossate, sono quelle maggiormente penalizzate.
Non si può infatti inviare, a distanza di tre mesi, la tassa sui rifiuti di due anni.
Fino allo scorso anno la bolletta veniva inviata regolarmente a fine novembre, quest'anno il Comune esige il versamento della tassa quasi un anno prima.
Che gli enti debbano fare cassa per ristrettezze di bilancio ci può anche stare, ma non a questi prezzi.
Al danno la beffa: a molti l'avviso di pagamento è giunto il 28 febbraio, cioè un giorno prima della scadenza.
Soprattutto le amministrazioni che si richiamano ai valori sociali della sinistra questi errori non dovrebbero commetterli, perché altrimenti danno ragione a chi ritiene che le differenze ideologiche si siano assottigliate al punto da essere quasi annullate.


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 02-03-2008.

PUBBLICATO 03/03/2008

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

News  |  LETTO 3001  
Luigi Seta rinviato a giudizio.
Luigi Seta di Acri è stato rinviato a giudizio per millantato credito ai danni del consigliere regionale di Idv, Maurizio Feraudo. Lo ha comunicato lo stesso dipietrista che nel procedimento penale ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2183  
Parte il riordino della rete scolastica.
In virtù del Decreto Gelmini, anche l’istruzione pubblica acrese, subirà radicali cambiamenti. E’ in discussione, infatti, nelle apposite commissioni consiliari, una bozza riguardante il riordino de ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2500  
Giornata nazionale della colletta alimentare.
Sabato 29 novembre è la dodicesima Giornata nazionale della colletta alimentare, ovvero si può fare la spesa pensando ai più poveri e donando cibo. Quest'anno, forse, con un valore in più, pensando ...
Leggi tutto

News  |  LETTO 2688  
Corso gratis per estetista, presso la CNA.
Per te c'è una buona occasione: il corso per estetiste organizzato dall'Ecipa, ente di formazione della CNA Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa.
Leggi tutto

Convegno  |  LETTO 2610  
Convegno: Acri e il suo centro storico.
Acri e il suo centro storico: risorsa e nuova occasione di sviluppo urbanistico, turistico, culturale. Venerdì 28 Novembre 2008 ore 17:00 Palazzo Sanseverino-Falcone Acri (CS)
Leggi tutto