POLITICA Letto 2737  |    Stampa articolo

Se "passa" Cozzolino niente Coschignano bis.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
L’attuale sindaco Coschignano, espressione Pd, non ha ancora sciolto le riserve. Ovvero se ricandidarsi o meno. La questione, per la verità, non è stata neanche affrontata all’interno del partito. Ciò non vuol dire che Coschignano non abbia progetti. L’attuale primo cittadino, infatti, potrebbe anche passare la mano, cioè tirarsi indietro, ma solo ad una condizione. Che il candidato sia uno dei suoi più stretti collaboratori, cioè Giacomo Cozzolino, in questo momento il suo alter ego, attuale presidente del consiglio, e già candidato sia alle regionali che alle provinciali, in cui ha raccolto sempre ampi consensi.
Un nome, quindi, radicato sul territorio su cui, però, non ci sarebbe convergenza dell’intero partito. Un bel grattacapo per i democratici, anche perché sia Coschignano che Cozzolino, più volte, si sono dichiarati contro le primarie, sia di partito che di coalizione. Quali gli scenari, allora? Un’operazione di forza di entrambi o un percorso diverso da quello del Pd? Nel primo caso Coschignano, che potrebbe optare anche per altre strade, chiederebbe al suo partito perché mai dovrebbe sottoporsi alle primarie se sia Pd che il resto della coalizione, almeno una parte cospicua, ha sempre dato giudizi positivi sul suo operato. Ecco perché l’attuale sindaco non molla facilmente se non per il presidente del consiglio che, però, non avrebbe vita facile soprattutto nel suo partito.
Seconda ipotesi. Se la loro linea non dovesse passare, entrambi potrebbero lavorare per un nuovo progetto, staccato dal Pd ma sempre vicino, magari un progetto satellite.
I bene informati affermano che Coschignano e Cozzolino, che in questo caso potrebbe essere il candidato sindaco, sono pronti a scendere in campo con almeno due liste appoggiate da qualche altra forza politica di sinistra. L’obiettivo sarà, naturalmente, arrivare al ballottaggio ed essere determinanti, ovvero conquistare almeno tremila consensi. Non sarà facile, ma da qui a marzo mancano cinque mesi, durante i quali Coschignano gioca le ultime importanti carte. Sia per lui che per Cozzolino. Ovviamente il tutto se non si fa l’accordo Pd-Udc.

PUBBLICATO 10/11/2009

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 4660  
Coschignano, mi ricandido, ma solo a certe condizioni.
Il sindaco Elio Coschignano, a consuntivo, rivendica con orgoglio i risultati ottenuti in questi cinque anni, ringrazia per la candidatura propostagli dal suo partito, il Pd, "ma accetterò solo se v ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 4382  
"Sinistra Democratica per Acri" il 4 Gen. 2010 ore 19.00 va a C/da Foresta.
Dopo il successo in termini di partecipazione, alle prime manifestazione che si sono tenute, prima ad Acri centro, e poi a San Giacomo, continuano le iniziative di "Sinistra Democratica per Acri" su ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4057  
Il consiglio comunale approva l'atto sul patto dei sindaci.
Anche il consiglio comunale della cittadina silana ha aderito al cosiddetto “Patto dei sindaci.” Si tratta di un’iniziativa lanciata nel 2008, nell’ambito della seconda edizione sull’energia sosteni ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4268  
Auguri in piazza.
Radio Acheruntia in collaborazione con Acrinrete.info organizza per domani 30/12/2009 in diretta da Piazza Annunziata la trasmissione "Auguri in piazza" con ospiti prestigiosi del mondo politico, im ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 5113  
Un caso di razzismo politico ad Acri: Le Rotonde.
Nello scorso mese di Novembre transitavo per le strade di Acri e mi e' capitato di pensare al razzismo politico delle Rotonde acresi. Anche esse, come tanti italiani, sembra che a centro non ci vogl ...
Leggi tutto