POLITICA Letto 2952  |    Stampa articolo

Coschignano: "maggioranza divisa e malata".

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Una relazione agli iscritti che, però ha voluto rendere nota anche ai cittadini tant’è che egli stesso ha convocato, qualche ora prima dell’inizio, giornalisti e televisioni. Sicchè il primo cittadino Coschignano davanti alle telecamere di TeleAcri ha affrontato aspetti politici ed amministrativi. Coschignano non è un tipo che le manda a dire, è diretto, duro, a volte spregiudicato, ma sicuro di sé. Non usa mai il singolare ma coinvolge la giunta e l’intera maggioranza. “Amici del Pd e cittadini, vi dico che le cose che abbiamo fatto, poi decidete con calma chi votare.”
Pronti via e Coschignano attacca subito il centro destra; “ci ha lasciato debiti pari dieci milioni, un mucchio di contenziosi legali ed opere incomplete e prive di copertura finanziaria.” Quindi, elenca gli interventi effettuati e sottolinea gli investimenti di cinquanta milioni ma ne approfitta per aggiungere; “le nostre opere saranno terminate o saranno garantiti i fondi per finirle.” Su s.s.660 e Sibari-Sila ripete cose arcinote ma “le dico per rinfrescarvi la memoria e per sottolineare ancora una volta che noi, e qui include anche l’amministrazione provinciale, siamo riusciti a sbloccare i fondi ed a redigere in pochi mesi un progetto esecutivo. Invito i rappresentanti del centro destra ad un pubblico confronto ed a smentirmi.
Coschignano
porta avanti una vera e propria arringa, sfoglia il fascicolo delle cose fatte ma ammette; “è un miracolo che con questa maggioranza divisa e malata, abbiamo raggiunto grandi risultati, i ritardi, nel Psc e nell’espletamento dei concorsi, sono dovuti al comportamento di alcuni consiglieri di maggioranza che hanno posto veti e mi hanno costretto ad ingoiare rospi.”
E aggiunge; "prima o poi dirò nomi e cognomi e i motivi dell’ostruzionismo.Coschignano è un fiume in piena, senza contraddittorio strappa applausi e sostiene di aver fatto miracoli e di aver quasi risanato le casse comunali. E’ sicuro ed invita, più di una volta, gli avversari ad un pubblico incontro perché “carta canta.” ammette che la poltrona di sindaco scotta, si dice soddisfatto che più di uno vuol prendere il suo posto ma “dovranno dirmi dove ho sbagliato e quali le mie responsabilità.”
In questa settimana si saprà se avrà convinto Pd ed alleati. Da oggi, infatti, i democratici inizieranno il giro di consultazioni con le altre forze politiche e domenica è in programma l’assemblea degli iscritti. Sul tavolo, prima di ogni cosa, la riconferma o meno di Coschignano.

PUBBLICATO 17/11/2009

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 4658  
Coschignano, mi ricandido, ma solo a certe condizioni.
Il sindaco Elio Coschignano, a consuntivo, rivendica con orgoglio i risultati ottenuti in questi cinque anni, ringrazia per la candidatura propostagli dal suo partito, il Pd, "ma accetterò solo se v ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 4378  
"Sinistra Democratica per Acri" il 4 Gen. 2010 ore 19.00 va a C/da Foresta.
Dopo il successo in termini di partecipazione, alle prime manifestazione che si sono tenute, prima ad Acri centro, e poi a San Giacomo, continuano le iniziative di "Sinistra Democratica per Acri" su ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4053  
Il consiglio comunale approva l'atto sul patto dei sindaci.
Anche il consiglio comunale della cittadina silana ha aderito al cosiddetto “Patto dei sindaci.” Si tratta di un’iniziativa lanciata nel 2008, nell’ambito della seconda edizione sull’energia sosteni ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4263  
Auguri in piazza.
Radio Acheruntia in collaborazione con Acrinrete.info organizza per domani 30/12/2009 in diretta da Piazza Annunziata la trasmissione "Auguri in piazza" con ospiti prestigiosi del mondo politico, im ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 5108  
Un caso di razzismo politico ad Acri: Le Rotonde.
Nello scorso mese di Novembre transitavo per le strade di Acri e mi e' capitato di pensare al razzismo politico delle Rotonde acresi. Anche esse, come tanti italiani, sembra che a centro non ci vogl ...
Leggi tutto