INTERVISTA Letto 2978  |    Stampa articolo

L’ex sindaco Pci Rocco a sostegno delle primarie

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
«Se non si dovesse trovare una figura che unisce, allora è meglio che si facciano le primarie». Angelo Rocco, tre volte sindaco sotto l’egida del Pci auspica una coalizione unita per poter riconquistare il comune.
Rocco, è favorevole alle primarie?
Se non c’è convergenza su un unico nominativo e se ci sono più candidati è giusto che si facciano ma, allo stesso modo, mi auguro che una volta individuata la figura gli altri lavorino per la sua elezione.

Le primarie significano bocciatura per l’attuale sindaco?
Fare le primarie non significa non essere soddisfatti dell’operato di Coschignano ma un metodo democratico per dare la possibilità ad altri di misurarsi. L’ultima parola spetta al gruppo dirigente che deve decidere se ci sono le condizioni per ricandidare l’attuale sindaco.

Coschignano potrebbe non sottoporsi e scegliere un’altra strada.

Le regole dicono che si sceglie un percorso per indicare il candidato sindaco e questo percorso deve essere condiviso anche da chi è bocciato, in caso contrario sarebbe un dramma per il centrosinistra.

Il Pd dialoga anche con l’Udc...
Il Pd deve aprirsi e coinvolgere le altre forze di sinistra perché i gruppetti non servono a nulla. Se i centristi condividono il programma ben vengano.

La coalizione vincente del 2005 non c’è più. Il centrosinistra può rivincere?
E’ necessario mettere da parte eventuali responsabilità ed evitare che gli errori commessi si ripetano. Il centrosinistra ha molte personalità in grado di risanare la politica ma occorre farli scendere in campo.
Nei giorni scorsi il sindaco ha illustrato quanto realizzato finora. Condivide quello che ha detto?
Coschignano ha il diritto e il dovere di dire le cose che ha fatto, poi gli elettori daranno un giudizio ma ritengo che il tema centrale della campagna elettorale non debba essere quello che si è fatto ma quello che si vuole fare.


Per esempio?

Affrontare la questione morale ed impegnarsi per la difesa dell’interesse generale, dialogare con le forze di opposizione e con gli altri enti,coinvolgere i cittadini, salvaguardare Arssa e Afor, fermare l’emigrazione dei giovani e puntare sul turismo.

Dieci consiglieri hanno cambiato casacca.

E’ un fatto degenerativo perché è venuto meno il vincolo tra eletto, elettore e partito e i cittadini perdono fiducia.

Rocco sarà in campo a marzo?

Non direttamente, ma darò il mio contributo.

PUBBLICATO 18/11/2009

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 4658  
Coschignano, mi ricandido, ma solo a certe condizioni.
Il sindaco Elio Coschignano, a consuntivo, rivendica con orgoglio i risultati ottenuti in questi cinque anni, ringrazia per la candidatura propostagli dal suo partito, il Pd, "ma accetterò solo se v ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 4378  
"Sinistra Democratica per Acri" il 4 Gen. 2010 ore 19.00 va a C/da Foresta.
Dopo il successo in termini di partecipazione, alle prime manifestazione che si sono tenute, prima ad Acri centro, e poi a San Giacomo, continuano le iniziative di "Sinistra Democratica per Acri" su ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 4053  
Il consiglio comunale approva l'atto sul patto dei sindaci.
Anche il consiglio comunale della cittadina silana ha aderito al cosiddetto “Patto dei sindaci.” Si tratta di un’iniziativa lanciata nel 2008, nell’ambito della seconda edizione sull’energia sosteni ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4263  
Auguri in piazza.
Radio Acheruntia in collaborazione con Acrinrete.info organizza per domani 30/12/2009 in diretta da Piazza Annunziata la trasmissione "Auguri in piazza" con ospiti prestigiosi del mondo politico, im ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 5108  
Un caso di razzismo politico ad Acri: Le Rotonde.
Nello scorso mese di Novembre transitavo per le strade di Acri e mi e' capitato di pensare al razzismo politico delle Rotonde acresi. Anche esse, come tanti italiani, sembra che a centro non ci vogl ...
Leggi tutto