COMUNICATO STAMPA Letto 3961  |    Stampa articolo

Quando dieci bugie oscurano una verità.

Pino Capalbo
Foto © Acri In Rete
Apprendo da una nota pubblicata su internet che giovedì 10 dicembre si sarebbe svolta una riunione del Partito Democratico, alla presenza, tra gli altri, del segretario.
Al termine sarebbe stato predisposto un documento di risposta a Piero Cirino, circa un suo articolo intitolato "Al Comune cultura in panne. L'esempio del cinema".
Rifuggendo, per formazione, da qualsiasi tipo di polemica sterile, che sicuramente nuoce al partito, ritengo sia però doverosa una giusta ricostruzione dei fatti.
Giovedì 12 dicembre venivo raggiunto telefonicamente dal sindaco Elio Coschignano, che mi comunicava di aver preparato un comunicato di risposta all'articolo in questione. Mi chiedeva il mio indirizzo di posta elettronica, affinché potessi prenderne visione.
Essendo io impossibilitato, perché fuori sede, a leggere e quindi far mio il comunicato suindicato, dissi al sindaco di condividere l'opportunità di una risposta che mettesse in evidenza quanto fatto dall'amministrazione comunale nel settore delle politiche culturali e precisai, in maniera categorica, di limitare a questo il documento, che sarebbe dovuto uscire a firma del Pd. A tal riguardo, il sindaco mi diede ampie garanzie.
Lo stesso giorno, intorno alle ore 21:00, venni raggiunto telefonicamente da un giornalista locale e mi fu letto in tale circostanza, un testo che a mio avviso non era da condividere, nella forma e nei continui riferimenti alla persona del sig. Piero Cirino, quindi decisi di non autorizzarne la pubblicazione a nome del Partito Democratico.
Come posso dunque aver ritirato la firma da un documento elaborato da altri e predisposto nel corso di una riunione alla quale io non ho mai partecipato?
Per logica, questa riunione avrebbe dovuto interessare, oltre agli amministratori, anche i membri della segreteria.
Pertanto, appare sui generis attribuire tale comunicato al Partito Democratico e ridurre semplicemente a un fatto personale la circostanza che tale documento non recasse la mia firma.
A volte in maniera pretestuosa si confondono i ruoli, il segretario, e non altri, è l'unico legittimato a rappresentare ufficialmente il Partito Democratico, ergo, non avendo io autorizzato la pubblicazione di quel comunicato, lo stesso non può essere in alcun modo ricondotto al Pd, ma eventualmente solo a coloro che, legittimamente, insieme al sindaco, l'avrebbero predisposto, condiviso e firmato.
Tanto dovevo, anche al fine di preservare l'autonomia del Partito Democratico dalle ingerenze delle istituzioni.

PUBBLICATO 13/12/2009

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 4435  
Coschignano, mi ricandido, ma solo a certe condizioni.
Il sindaco Elio Coschignano, a consuntivo, rivendica con orgoglio i risultati ottenuti in questi cinque anni, ringrazia per la candidatura propostagli dal suo partito, il Pd, "ma accetterò solo se v ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 4137  
"Sinistra Democratica per Acri" il 4 Gen. 2010 ore 19.00 va a C/da Foresta.
Dopo il successo in termini di partecipazione, alle prime manifestazione che si sono tenute, prima ad Acri centro, e poi a San Giacomo, continuano le iniziative di "Sinistra Democratica per Acri" su ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3821  
Il consiglio comunale approva l'atto sul patto dei sindaci.
Anche il consiglio comunale della cittadina silana ha aderito al cosiddetto “Patto dei sindaci.” Si tratta di un’iniziativa lanciata nel 2008, nell’ambito della seconda edizione sull’energia sosteni ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4030  
Auguri in piazza.
Radio Acheruntia in collaborazione con Acrinrete.info organizza per domani 30/12/2009 in diretta da Piazza Annunziata la trasmissione "Auguri in piazza" con ospiti prestigiosi del mondo politico, im ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 4841  
Un caso di razzismo politico ad Acri: Le Rotonde.
Nello scorso mese di Novembre transitavo per le strade di Acri e mi e' capitato di pensare al razzismo politico delle Rotonde acresi. Anche esse, come tanti italiani, sembra che a centro non ci vogl ...
Leggi tutto