OPINIONE Letto 3814  |    Stampa articolo

La “giungla” parlamentare vs i giornalisti-killer.

Angela Scavello
Foto © Acri In Rete
Clima d'odio e di tensione. Fischi, dissenso e tanta rabbia. Questa è l'atmosfera che pare caratterizzare questo particolare momento storico- politico. E come unica e sovente colpevolizzazione riconosciamo la campagna d'odio "ingiustamente" portata avanti da giornalisti-killer (Travaglio, Espresso-Repubblica), da politici esaltati ( Di Pietro) e da trasmissioni televisive (Annozero) che sfuggono alla loro funzione. Perlomeno, questa, è l'unica giustificazione che è venuta fuori dai microfoni della nostra "giungla" parlamentare, dove le urla, gli insulti, le uscite ad effetto sono all'ordine del giorno. Cosi l'on. Cicchitto, plaudito dai suoi, ha esordito, volendo sminuire il malessere generale a una costruzione mediatica che come sua immediata conseguenza ha "armato" l'attentatore Tartaglia.
Non è quindi un gesto di isolata violenza fatto da uno squilibrato sotto cure psichiatriche ma è il risultato di articoli di giornale, di servizi televisivi e di una malata opposizione politica . Nessuno quindi che mette in dubbio il proprio operato da politico di maggioranza e in quanto tale, in funzione della carica che riveste, è implicitamente responsabile delle sorti del Paese, buone o cattive che siano. In migliaia scendono in piazza con fascette viola in mano, gli scioperi continuano davanti agli enti pubblici e privati che chiudono, i dipendenti delle scuole e delle Università indicono sciopero generale e la colpa è solo dei giornalisti? Mi sembra "conveniente" e a tratti surreale voler riconoscere solo questa come colpa, poichè affermare il contrario significherebbe ammettere di avere fallito, significherebbe ammettere di non essere in grado, forse, di governare il Paese, significherebbe perdere ulteriori consensi.
E questo proprio non piace alla maggioranza che tanto auto elogia il proprio mandato e che si prefigge di volerlo portare a termine, anche a costo di andare contro magistrati e giudizi "comunisti", contro la Costituzione e quindi contro la stessa democrazia. Forse più che temere di leggere un quotidiano dovremmo fare attenzione alle parole e ai gesti di chi ha in mano il potere se non vogliamo risvegliarci al mattino e dover salutare un nuovo monarca.

PUBBLICATO 21/12/2009

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 4432  
Coschignano, mi ricandido, ma solo a certe condizioni.
Il sindaco Elio Coschignano, a consuntivo, rivendica con orgoglio i risultati ottenuti in questi cinque anni, ringrazia per la candidatura propostagli dal suo partito, il Pd, "ma accetterò solo se v ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 4134  
"Sinistra Democratica per Acri" il 4 Gen. 2010 ore 19.00 va a C/da Foresta.
Dopo il successo in termini di partecipazione, alle prime manifestazione che si sono tenute, prima ad Acri centro, e poi a San Giacomo, continuano le iniziative di "Sinistra Democratica per Acri" su ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3817  
Il consiglio comunale approva l'atto sul patto dei sindaci.
Anche il consiglio comunale della cittadina silana ha aderito al cosiddetto “Patto dei sindaci.” Si tratta di un’iniziativa lanciata nel 2008, nell’ambito della seconda edizione sull’energia sosteni ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4028  
Auguri in piazza.
Radio Acheruntia in collaborazione con Acrinrete.info organizza per domani 30/12/2009 in diretta da Piazza Annunziata la trasmissione "Auguri in piazza" con ospiti prestigiosi del mondo politico, im ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 4840  
Un caso di razzismo politico ad Acri: Le Rotonde.
Nello scorso mese di Novembre transitavo per le strade di Acri e mi e' capitato di pensare al razzismo politico delle Rotonde acresi. Anche esse, come tanti italiani, sembra che a centro non ci vogl ...
Leggi tutto