RELIGIONE Letto 3515  |    Stampa articolo

Una grande gioia.

sac. Sergio Groccia
Foto © Acri In Rete
I decreti umani! Cesare Augusto ordina il censimento di tutta la terra: quantizzare la potenza di Roma! Un movimento di ritorno alle proprie origini. E anche Giuseppe si mette in cammino. anche Maria. E anche Gesù nel grembo di Maria. Tutti andavano … Questo movimento ci parla di vita. Gli uomini sentono, pensano, fanno, decidono … e Dio si inserisce umilmente nelle cose umane. La città di Davide, Betlemme. Qui la Scrittura aveva detto sarebbe nato il re, il Messia. Come poteva Gesù dire alla mamma.
Devo nascere a Betlemme, andiamo là. Lo dice Cesare Augusto che certamente era ignaro di ciò che stava avvenendo in quella minuscola borgata di Galilea! I giorni del parto, giorni di meraviglia e di fede per chi conosce il progetto dell’Altissimo, giorni qualunque per chi non sa. Cosa vedono gli occhi degli altri? Una donna incinta che va insieme al marito a farsi registrare nella città dei padri. Le realtà di Dio non sono mai strabilianti. Lo sono perché sono di Dio, ma perché non abbaglino e accechino con il loro splendore, si nascondono per agire dal di dentro, come il lievito che fermenta pian piano tutta la pasta. Un figlio speciale, il Figlio di Dio. Un figlio come tanti figli: Gesù.
Avvolto in fasce dalla mamma, adagiato in un posto che faccia da culla. Non è un caso che Gesù sia messo in una mangiatoia. Lì dove gli animali hanno il loro cibo. Gesù è Dio, ovunque sia. Non c’era posto per loro. Non era un rifiuto, ma un dato di fatto. Betlemme era troppo piccola per poter contenere tutti quelli che arrivavano. Le grotte fuori del centro abitato erano molto ampie, spazi asciutti incavati nelle rocce, i luoghi che i pastori usavano per le greggi. Erano vuote perché pernottavano all’aperto. Non c’era posto. Ma non poteva nascere nell’alloggio il buon Pastore! Solo le grotte dei pastori potevano essere la sua casa … E sono i pastori infatti i primi a ricevere l’annuncio della nascita. Una luce che avvolge e toglie ogni timore: una luce che riempie il cuore di gioia. È nato il Signore! E il segno non è terribile come in antico, un Dio che parla attraverso il tuono, i fulmini, il fuoco sulla montagna. È un bambino, avvolto in fasce, che non parla ancora, un bambino che nasce a casa vostra, nella mangiatoia, perché lui è pastore ma è anche agnello … Buon Natale

PUBBLICATO 26/12/2009

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 4435  
Coschignano, mi ricandido, ma solo a certe condizioni.
Il sindaco Elio Coschignano, a consuntivo, rivendica con orgoglio i risultati ottenuti in questi cinque anni, ringrazia per la candidatura propostagli dal suo partito, il Pd, "ma accetterò solo se v ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 4137  
"Sinistra Democratica per Acri" il 4 Gen. 2010 ore 19.00 va a C/da Foresta.
Dopo il successo in termini di partecipazione, alle prime manifestazione che si sono tenute, prima ad Acri centro, e poi a San Giacomo, continuano le iniziative di "Sinistra Democratica per Acri" su ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3821  
Il consiglio comunale approva l'atto sul patto dei sindaci.
Anche il consiglio comunale della cittadina silana ha aderito al cosiddetto “Patto dei sindaci.” Si tratta di un’iniziativa lanciata nel 2008, nell’ambito della seconda edizione sull’energia sosteni ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4030  
Auguri in piazza.
Radio Acheruntia in collaborazione con Acrinrete.info organizza per domani 30/12/2009 in diretta da Piazza Annunziata la trasmissione "Auguri in piazza" con ospiti prestigiosi del mondo politico, im ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 4841  
Un caso di razzismo politico ad Acri: Le Rotonde.
Nello scorso mese di Novembre transitavo per le strade di Acri e mi e' capitato di pensare al razzismo politico delle Rotonde acresi. Anche esse, come tanti italiani, sembra che a centro non ci vogl ...
Leggi tutto