POLITICA Letto 4076  |    Stampa articolo

Pettinato coordinatore di SEL (Sinistra Ecologia Libertà).

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Sinistra Ecologia e Libertà prende piede anche nella cittadina silana. Per la verità è da mesi che i promotori ci stanno lavorando ma ora, dopo la convention nazionale di domenica venti dicembre, il processo di organizzazione sul territorio ha subito un’accelerazione. Cominciando dai coordinatori che sono ben cinque; P. Pettinato, A. Di Rienzo, A.Vita, A. Romano, R. Forte a cui vanno aggiunti i due supplenti, A. Pettinato e B. De Vincenti.
In pochi giorni la campagna tesseramento ha già fatto registrare un buon risultato grazie ad una trentina di iscritti “ma” dice Pettinato, “il numero è destinato ad aumentare.” Lo stesso, che è anche consigliere comunale, nonchè ex Prc prima ed Mps poi, annuncia progetti ed obiettivi; “peccato che alcuni compagni, che hanno intrapreso con noi questa avventura, né si sono tesserati né si sono impegnati per tesserare altrimenti gli iscritti erano di gran lunga di numero maggiore.”
Poi Pettinato precisa; “non riescono a staccarsi dal cordone ombelicale, dalla loro vecchia provenienza politica, si propongono ogni cinque anni e pretendono di essere rappresentati e rappresentativi e, quindi, tutto è più difficile. Noi però andiamo avanti e in primavera eleggeremo gli organismi
Sul futuro dice; “è chiaro che vogliamo costruire un nuovo centro sinistra ma l’Udc non ci interessa mentre per quanto riguarda il candidato a sindaco puntiamo sulla riconferma di Coschignano in caso contrario anche noi siamo pronti a mettere in campo un nostro nominativo.
Riguardo le priorità in caso di vittoria Pettinato dice che “il programma sarà stabilito assieme a Verdi, Prc-Pdci e IdV ma ritengo che la lotta all’assistenzialismo e il recupero del territorio dal punto di vista ambientale siano cose importanti.”
Pettinato
, infine, spiega perché oggi in consiglio voterà contro l’unico punto del giorno; “ancora una volta siamo costretti a discutere un argomento che non conosciamo ma penso che l’assise non può stabilire patti con nessuno soprattutto quando mancano pochi mesi alla fine del mandato. Il sindaco non può pretendere che, chi viene dopo di lui, deve per forza di cose stipulare una convenzione con una società piuttosto che con un’altra.
Per la cronaca il consiglio oggi dovrà discutere una delibera che riguarda un progetto sull’energia alternativa proposto da una nota società leader nel settore.

PUBBLICATO 28/12/2009

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

INTERVISTA  |  LETTO 4432  
Coschignano, mi ricandido, ma solo a certe condizioni.
Il sindaco Elio Coschignano, a consuntivo, rivendica con orgoglio i risultati ottenuti in questi cinque anni, ringrazia per la candidatura propostagli dal suo partito, il Pd, "ma accetterò solo se v ...
Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA  |  LETTO 4135  
"Sinistra Democratica per Acri" il 4 Gen. 2010 ore 19.00 va a C/da Foresta.
Dopo il successo in termini di partecipazione, alle prime manifestazione che si sono tenute, prima ad Acri centro, e poi a San Giacomo, continuano le iniziative di "Sinistra Democratica per Acri" su ...
Leggi tutto

POLITICA  |  LETTO 3818  
Il consiglio comunale approva l'atto sul patto dei sindaci.
Anche il consiglio comunale della cittadina silana ha aderito al cosiddetto “Patto dei sindaci.” Si tratta di un’iniziativa lanciata nel 2008, nell’ambito della seconda edizione sull’energia sosteni ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4028  
Auguri in piazza.
Radio Acheruntia in collaborazione con Acrinrete.info organizza per domani 30/12/2009 in diretta da Piazza Annunziata la trasmissione "Auguri in piazza" con ospiti prestigiosi del mondo politico, im ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 4840  
Un caso di razzismo politico ad Acri: Le Rotonde.
Nello scorso mese di Novembre transitavo per le strade di Acri e mi e' capitato di pensare al razzismo politico delle Rotonde acresi. Anche esse, come tanti italiani, sembra che a centro non ci vogl ...
Leggi tutto