NEWS Letto 3364  |    Stampa articolo

In fiamme una soffitta paura nel centro cittadino.

Piero Cirino
Foto © Acri In Rete
Momenti di apprensione ieri mattina ad Acri, in pieno centro cittadino. Intorno alle 10, da un edificio in via Roma, a un centinaio di metri dal Municipio, si è levata un’ampia nuvola di fumo, che in pochi minuti ha investito un’area considerevole. L’intera zona in poco tempo è stata investita da un odore acre, tipico della fuliggine delle canne fumarie.
Da lì a poco si sono udite anche le sirene dell’ambulanza del 118 e del distaccamento dei volontari dei Vigili del Fuoco di Acri. Chi si è recato subito in via Roma ha anche potuto vedere un giovane che, dal tetto attiguo, portava in salvo un’anziana che era comunque in stato di coscienza e non ha subito conseguenze, se non un grosso spavento. Sul posto nel frattempo si sono portati anche i Carabinieri di Acri, la cui stazione dista pochi metri, e i Vigili Urbani, rispettivamente guidati dal maresciallo Roberto Luciani e dal comandante Angelo Ferraro. Da fuori si vedeva solo il fumo, ma non le fiamme. I primi a intervenire sono stati i volontari dei Vigili del Fuoco, che da lì a mezz’ora circa saranno coadiuvati dai colleghi di Rende. Raggiunto il quarto piano, quello adibito a soffitta, sono immediatamente intervenuti sulle fiamme, che avevano invaso tre stanze. Un paio d’ore di lavoro e il locale è solo un’immensa area nera, ma le fiamme sono state domate prontamente.
L’origine delle fiamme non è ancora certificata, ma sembra si sia trattato della fuliggine della canna fumaria. Anche i muri e le suppellettili non hanno riportato danni ingenti, almeno da un primo sommario esame. Se l’avventura ha avuto un epilogo senza conseguenze rilevanti per persone e cose, questo è da ascrivere senza dubbio al tempestivo intervento dei volontari dei Vigili del Fuoco di Acri, che, anche in questa circostanza, hanno dimostrato di essere un presidio di straordinaria importanza sul territorio.
Prestano la loro opera come volontariato, ma questi ragazzi hanno maturato sul campo un’esperienza e una capacità di intervento tali da poter essere considerati alla stregua di autentici professionisti, la cui opera negli anni ha permesso ad Acri di salvare molto più di quanto fosse stato possibile fare se ogni qualvolta sono intervenuti avessero dovuto farlo quelli di Cosenza o Rende. Operano tra mille difficoltà, anche quelle procurate oltre a quelle insite nella loro funzione. Una maggiore sensibilità, che non sia solo di facciata, magari mista a gratitudine, da parte delle istituzioni, oggi sarebbe quanto mai auspicabile.


Fonte: "Il Quotidiano della Calabria" del 29-01-2010.

PUBBLICATO 29/01/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 2666  
Ad Acri una marcia per l’ospedale.
Nei giorni scorsi, il Partito Socialista Italiano, ha promosso, nella parrocchia di San Giorgio Martire, a Serricella, un incontro con i cittadini. La riunione è stata presieduta dal segretario del ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3750  
Anna Maria Prina e Clarissa Mucci ad Acri per lo stage “Danza & Cultura”
Grande successo anche quest'anno per lo stage "Danza & Cultura" proposto dalla scuola A.T.B Danzarte del maestro Michele Ferraro con il patrocinio del comune. Lo stage, giunto al suo secondo anno di ...
Leggi tutto

VIDEO  |  LETTO 3007  
Video della seduta del consiglio comunale del 29 Novembre 2010.
Pubblichiamo il video della seduta dei lavori della seduta del consiglio comunale del 29 novembre 2010. All’ordine del giorno la rinegoziazione dei prestiti della Cassa DD.PP. S.p.a. , le manifestaz ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4346  
Scuola di Acri-San Giacomo a Palazzo Madama.
Le classi v della scuola primaria e le classi della scuola secondaria di 1 grado dell’ istituto comprensivo di San Giacomo d’ Acri , diretto magistralmente dalla dirigente prof.ssa Pellegrino Rosa, ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3597  
Elenco dei buoni motivi per cui il reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale “Beato Angelo” di acri non deve chiudere.
l reparto più vicino dove far nascere un bambino si trova ad un’ora di distanza (in macchina) e le complicanze che possono verificarsi in quell’arco di tempo possono essere pericolose. Si potrebbe t ...
Leggi tutto