POLITICA Letto 2567  |    Stampa articolo

Ipotesi di primarie di coalizione nel centro sinistra.

Roberto Saporito
Foto © Acri In Rete
Veti incrociati e lotte intestine, nel centro sinistra. Al voto amministrativo mancano due mesi ed al momento non c'è né un progetto né un candidato unitario. Dopo che i democratici hanno stabilito che il candidato a sindaco si deve individuare domenica prossima attraverso le primarie, il resto della coalizione è insorta; IdV, Sel, Prc-Pdci, Verdi e Ulivo per Acri pretendono pari dignità. Ovvero, in campo anche la Sinistra con propri nomi. Per oggi è prevista un'interpartitica in cui gli alleati del Pd chiederanno a gran voce le primarie di coalizione. I democratici, però, non mollano e vorrebbero ugualmente scegliere il candidato sicchè, alla fine, se non si troverà un accordo, il centro sinistra potrebbe presentarsi spaccato. Pd da una parte, Sinistra dall'altra dove spunta il nome di un candidato a sindaco donna sponsorizzato fortemente da Sel ma che avrebbe il sostegno anche delle altre forze. I candidati del Pd alle primarie del sette febbraio (semmai si faranno) sono Bonacci, Cozzolino e Cristofaro. Chi la spunterà (i primi due, assessore al bilancio e presidente del consiglio partono in vantaggio) avrà poi il compito di aggregare più forze. Ma i veti non mancano; c'è chi, infatti, unisce alcuni partiti, c'è chi, invece, ne attira altri. IdV, ad esempio, per bocca di Feraudo si è già espresso e non è per nulla attratto da Cozzolino che lo ritiene come una continuità amministrativa e vicino all'Api di Rutelli.
Il presidente del consiglio non ci sta e risponde a Feraudo; "IdV ha sostenuto questa amministrazione, poi quando il sindaco ha chiesto l'avvicendamento con l'Udeur, per un patto elettorale, Feraudo si è rifiutato di mantenere gli accordi.
Lo stesso, inoltre, ha cercato di imporre l'ingresso nella maggioranza di consiglieri transfughi della minoranza, e difronte al rifiuto della coalizione ha sprecato il suo tempo sparando a zero su chi cercava di portare avanti progetti e idee e di questo la città ne terrà conto. Feraudo, inoltre, interferisce sulle primarie del Pd, strumento democratico, e si prende il lusso di indicare la soluzione a lui più congeniale ed, infine, fa supposizioni contro chi è dirigente del Pd fin dal suo sorgere e prima lo è stato del Pci e dei Ds. Sono venticinque anni di militanza, dice, sempre dalla stessa parte, non ho scheletri nell'armadio e non ho nulla di cui vergognarmi per cui sono fiero di accostare il mio nome alla mia città e di esserne un servitore.
"
Centro sinistra, quindi, che deve guardarsi non solo dagli attacchi del centro destra ma ha a che fare anche con faide interne.

PUBBLICATO 03/02/2010

© Riproduzione Riservata  E' vietata la riproduzione, la traduzione, l'adattamento totale o parziale di questo giornale, dei suoi articoli o di sue foto (© Acri In Rete) presenti in esso.

Ultime Notizie

NEWS  |  LETTO 2666  
Ad Acri una marcia per l’ospedale.
Nei giorni scorsi, il Partito Socialista Italiano, ha promosso, nella parrocchia di San Giorgio Martire, a Serricella, un incontro con i cittadini. La riunione è stata presieduta dal segretario del ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 3750  
Anna Maria Prina e Clarissa Mucci ad Acri per lo stage “Danza & Cultura”
Grande successo anche quest'anno per lo stage "Danza & Cultura" proposto dalla scuola A.T.B Danzarte del maestro Michele Ferraro con il patrocinio del comune. Lo stage, giunto al suo secondo anno di ...
Leggi tutto

VIDEO  |  LETTO 3007  
Video della seduta del consiglio comunale del 29 Novembre 2010.
Pubblichiamo il video della seduta dei lavori della seduta del consiglio comunale del 29 novembre 2010. All’ordine del giorno la rinegoziazione dei prestiti della Cassa DD.PP. S.p.a. , le manifestaz ...
Leggi tutto

NEWS  |  LETTO 4345  
Scuola di Acri-San Giacomo a Palazzo Madama.
Le classi v della scuola primaria e le classi della scuola secondaria di 1 grado dell’ istituto comprensivo di San Giacomo d’ Acri , diretto magistralmente dalla dirigente prof.ssa Pellegrino Rosa, ...
Leggi tutto

OPINIONE  |  LETTO 3596  
Elenco dei buoni motivi per cui il reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale “Beato Angelo” di acri non deve chiudere.
l reparto più vicino dove far nascere un bambino si trova ad un’ora di distanza (in macchina) e le complicanze che possono verificarsi in quell’arco di tempo possono essere pericolose. Si potrebbe t ...
Leggi tutto